Qual è la foto più vista del mondo?

Sicuramente non è una domanda in grado di competere con “Chi siamo?”, “Da dove veniamo?”, “Come cambierà la vita dopo il corona virus?”, ”Sopravvivrò al covid-19?”  “Se si come farò ad arrivare alla fine del mese?”.

Da fotografo è uno di quegli interrogativi che ogni tanto mi vengono in testa, curiosità che un po’ tutti in questo settore sia da professionisti che da semplici amatori vorremo soddisfare e che poi, un po’ per pigrizia o comunque distratti da questioni ben più importanti, velocemente mettiamo nel dimenticatoio.

La risposta alla domanda “Qual è la foto più vista del mondo” potrebbe in effetti non esserci: insomma, dopotutto chi non ricorda gli occhioni della ragazza afgana, foto di copertina del volume 167 del National Geographic nel Giugno del 1985

La risposta alla domanda “Qual è la foto più vista del mondo” potrebbe in effetti non esserci: insomma, dopotutto chi non ricorda gli occhioni della ragazza afgana, foto di copertina del volume 167 del National Geographic nel Giugno del 1985



Giusto per dovere di cronaca Il suo nome è Sharbat Gula e il suo sguardo è probabilmente uno dei più famosi del mondo, la fotografia è stata scattata in Pakistan, in un campo profughi di Peshawar, durante un viaggio del fotoreporter Steve McCurry.

La fotografia è spesso come andare alla ricerca di funghi devi sapere dove cercare ma anche avere molta fortuna, è indubbio che lui ne ebbe molta, ma fu anche molto bravo a saper cogliere l’anima di quella giovane donna, la leggenda narra che fu proprio in uno di quegli accampamenti che s’imbatte in Sharbat Gula, che era in una classe di giovani allieve e restò colpito da una ragazzina molto timida.

Dunque, parlo di “leggenda” perché gli accampamenti erano diverse centinaia e affollati da migliaia di persone, quindi piuttosto improbabile un incontro casuale così fortunato.

Steve McCurry
„Ragazza afgana è diventata una fotografia talmente iconica che mi segue ovunque vada, e […] giuro che non passa giorno senza che io riceva una richiesta di utilizzo, una richiesta di informazioni o qualunque altra cosa che abbia a che fare con quella fotografia, ogni singolo giorno della mia vita. (Steve McCurry)“

Chi non ha mai visto almeno una volta nella vita una foto del classico paesaggio vacanziero con tanto di palme, spiagge e acqua cristallina, magari non sarà stato lo stesso scatto ma sicuramente un po’ tutti si assomigliano soprattutto quando si entra nel campo pubblicitario

Nota divertente: una volta gironzolando per agenzie viaggi mi sono accorto che un’agenzia di cui non farò il nome pubblicizzava una vacanza per praticanti del kitesurfing con una foto che indicava come luogo di destinazione la Grecia nello specifico Keros Beach peccato che la foto fosse stata scattata a Rosignano Marittimo Toscana, di questi esempi potrei farne decine infatti, non è insolito vedere foto che pubblicizzano viaggi ai caraibi con immagini che ritraggono il litorale della Sardegna, Toscano o Pugliese

Rosignano Marittimo Toscana

Ora davvero cerco di tornare in carreggiata dopo queste divagazioni dovute al fatto che in effetti la foto più vista al mondo potrebbe essere davvero difficile da scovare.

Alcuni osservatori nel corso del tempo si sono domandati quale fosse la foto più vista, intendiamo questo: la foto visualizzata il maggior numero di volte dal maggior numero di persone,  nella storia.

Ebbene in molti sono arrivati alla conclusione che non si tratterebbe, come sarebbe lecito pensare in prima battuta, di uno tra i tanti scatti-icona di qualche grande maestro della storia della fotografia come il bacio del marinaio di Alfred Eisenstaedt

Foto di Alfred Eisenstaedt

Neppure quella della ragazza afgana di McCurry come ho scritto sopra e tantomeno il ritratto di Che Guevara uno scatto famosissimo di Alberto Korda

Foto di Alberto Korda

La foto più vista al mondo molto probabilmente è uno scatto di Chuck O’Rear intitolato “Bliss”.

Non posso vederlo ma immagino un certo stupore nei vostri volti pensierosi, vi starete chiedendo ma chi è O’Rear e poi lo scatto intitolato “Bliss”(forse non ne avete mai sentito parlare) soprattutto ma di cosa sta parlando questo personaggio che nel mondo della fotografia ci sta tanto come la neve ad agosto.

Vi capisco, anche a me quel nome e quel titolo suona nuovo ma provate a far mente locale perché dopo tutto è ancora sotto i vostri occhi quasi tutti i giorni o almeno di tutti quelli che utilizzano ancora Windows XP, il sistema operativo rilasciato nel 2001 (chi non lo ha usato almeno una volta nella vita?).

Chuck O’Rear

Ebbene ora vi spiegherò perché questo scatto è il più visto al mondo e la storia della sua nascita e diffusione.

 “Chuck O’Rear” è un fotoreporter che anche se poco conosciuto in Europa vanta delle collaborazioni con alcune tra le più prestigiose riviste del mondo (anche pensate un po’, ben due copertine National Geographic), il suo nome tuttavia dice poco o nulla ai più malgrado probabilmente sia entrato, in maniera inusuale, nella storia della fotografia con uno scatto “Bliss” che volenti o nolenti quasi tutto il mondo ha potuto vedere.

In quel periodo O’Rear e la sua compagna Daphne Irwin stavano scrivendo un libro sui vini della California ed avevano bisogno di alcune immagini da inserire nel loro lavoro editoriale. Come lo stesso O’Rear  raccontata scattò la foto nel 1996: era in viaggio per rientrare a casa dopo essere stato presso l’abitazione della sua compagna ora attuale moglie, tornando verso la sua casa situata a St. Helena, California, si accorse del paesaggio che aveva di fianco, accostò e immortalò la scena con la sua attempata Mamiya RZ67 che aveva con sé.

Visto che la fotografia non era pertinente con il libro che la coppia stava scrivendo, O’Rear decise di renderla disponibile come fotografia stock attraverso la società statunitense Corbis, sperando in una futura vendita.

Queste società si occupano di inserire on-line fotografie, talvolta anche erroneamente indicate come “esenti da diritti d’autore”, operano secondo un modello di micro pagamenti. Cosa significa ciò, i clienti di queste società sottoscrivono un contratto con il quale dietro avvenuto pagamento, in genere abbonamento mensile hanno a disposizione migliaia di foto da poter utilizzare per i loro contenuti multimediali.

L’autore della fotografia percepisce un compenso ogni volta che il suo scatto viene scaricato dai suddetti clienti.

Giusto per concludere questa prima infarinatura sulle società di stock il costo delle immagini scaricate da questi siti stock può anche variare, a seconda della dimensione della immagine, in genere si parte da un minimo di 1$ ad un massimo di svariate centinaia di dollari con un sistema di pagamento basato su crediti acquisiti con l’abbonamento.

Qualche anno più tardi l’azienda statunitense Microsoft alla ricerca di immagini da inserire sul dekstop del proprio sistema operativo si imbatte in questa immagine, e qua torniamo alla fortuna che ogni fotografo deve avere come indicato sopra per la ragazza Afgana.

Vide la foto e decise di utilizzare la sua immagine come sfondo predefinito per la scrivania del nuovo sistema operativo che la casa avrebbe lanciato di lì a poco: Windows XP.

Però non comprò la foto da Corbis stock o quanto meno l’azienda fu pagata per rimuovere la foto dal loro sito in quanto decise di acquisirne tutti i diritti. Era il 2000/2001, e il team di sviluppo di Windows XP contattò O’Rear con l’intenzione non solo di comprare la licenza per utilizzare l’immagine come sfondo predefinito di Windows XP, ma di acquisirne anche tutti i diritti.

 A Chuck O’Rear (a questo punto oltre che bravo lo si deve anche considerare estremamente fortunato) fu offerta una somma di denaro stratosferica lui stesso dice: essere “forse la somma più alta mai pagata al mondo per l’acquisto di una singola fotografia” il quantitativo in denaro non lo sapremo mai in quanto il fotografo firmò un accordo di non divulgazione con Microsoft.

Il titolo “Bliss” all’immagine fu assegnato dal team Microsoft (tranne che nelle versioni olandese e portoghese di XP nelle quali la foto non ne capisco il motivo venne assegnato un titolo differente rispettivamente come “Ireland” ed “Alemtejo”).

Il successo planetario e soprattutto l’incredibile longevità di XP hanno quindi fatto il resto.

Si dice ma io non penso sia così o per esprimermi in termini fotografici che questa immagine non sia stata ritoccata.

Il mio pensiero è che il ritocco c’è, consiste in una leggera saturazione sul verde.

Il paesaggio, quindi, esiste veramente e si trova esattamente sulla strada che divide San Francisco da Napa Valley.

Se volete fare un giro virtuale in quella zona vi consiglio Street View, vi basterà fare copia incolla del la seguente dicitura: 4031 Carneros Hwy, Sonoma, CA 95476, virate verso sinistra e ve la trovate stagliata sullo sfondo. Se invece volete l’angolazione giusta, continuate la strada, lungo mi raccomando non troppo e poi voltatevi sempre verso sinistra.

Ha qualcosa di familiare, no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...