ESSERE PADRONI DELLA PROPRIA VITA

Se hai ragione non hai bisogno di gridare.
(Proverbio zen)

Ci sono libri di veri e propri guru che ti dicono che diventare padroni della tua vita è elementare, che raggiungere la consapevolezza è una cosa normale e  che meditare è la cosa più facile di questo mondo, mentono sapendo di mentire!! Ora come ora, sulla terra sono poche le persone veramente padrone della loro vita persino gli “esperti i cosiddetti illuminati” che ti insegnano queste tecniche, non sono veramente consapevoli, nemmeno loro sono padroni delle loro vita, il motivo è semplice, la nostra società è strutturata in modo che tu non sia mai completamente padrone del tuo tempo. Se queste poche parole ti fanno sorgere delle domande è giusto! Anch’io me ne faccio molte, soprattutto quando per un corso di cinque incontri ti chiedono cinquecento euro, eccome se mi faccio delle domande!

Una grande illuminazione nasce
da un grande dubbio.

Porsi delle domande è giusto anche se la risposta non è sempre semplice da trovare, bisogna avere fiducia perché poco alla volta passo dopo passo “lezione dopo lezione” si percorre veramente molta strada e la cosa bella è che si inizia un percorso per scavare dentro di noi, non pensare che sia semplice infatti per l’essere umano andare in profondità è veramente complesso, perché da un lato c’è il nostro enorme ego che ci domina e dall’altro c’è la paura di scoprire dentro di noi una parte “cattiva”. Penso che questa paura venga dall’educazione ricevuta però sinceramente poco importa è tempo di lasciarsi alle spalle il passato anche perché non può essere cambiato, “il momento più prezioso al mondo è quello che tu vivi ora, e il futuro dipende solo da te, e da quello che pensi e fai in questo momento”. Io sto facendo i primi passi nella crescita personale quindi ti voglio avvisare se continuerai la lettura costante dei miei articoletti potresti avere un terremoto interiore, quando ho iniziato ho avuto l’impressione che tutto potesse crollarmi addosso e soprattutto la meditazione all’inizio mi si è ritorta contro per i troppi problemi da affrontare, ora invece la considero come una scossa ed è stata anche la prova provata che dentro di me stava effettivamente succedendo qualcosa quindi se anche a te succederà la stessa cosa non ti devi spaventare bisogna “fare pulizia per migliorare la qualità della nostra vita”.

Io ho iniziato con prestare maggiore attenzione ai miei pensieri, certo ho fatto dei corsi ma non sempre sono riuscito a mettere in pratica gli insegnamenti forse perché troppo intrisi di concettualità e poco di praticità, riuscivo a eseguire una meditazione solo se guidata poi appena finito il corso tutto tornava come prima, non basta il fatto di aver deciso di esperire una crescita personale seguendo corsi, ascoltando conferenze, leggendo libri, per renderlo possibile serve tanta forza interiore, per iniziare questo lungo cammino occorre cambiare genere di azioni se vuoi veramente che la tua vita migliori; più te lo ripeti meglio sarà, poco alla volta, passo dopo passo. Ti faccio un banale esempio: se prendiamo un bicchier d’acqua sporca di fango e molto lentamente ci versiamo dentro allo stesso bicchiere acqua limpida e pura cosa succede? Lentamente vedrai straripare il bicchiere e l’acqua contenuta in esso che prima era torpida va via via purificandosi, più versi acqua limpida più nel bicchiere rimarrà solo acqua pulita fino a che non otterrai un bicchiere di acqua limpida e trasparente, questo è quello che accada dentro di te quando entri davvero a contatto con la tua crescita personale.

L’ego è ciò che ci separa da noi stessi, da ciò che siamo veramente, è un “compagno immaginario” che tenterà di controllarci, assumendo il dominio della nostra vita, fino a che non riusciremo a riconoscerlo.

Una delle prime cose da imparare è lasciare andare il nostro ego, dominandolo avrai una sensazione sgradevole, perché riuscire ad ammettere che non siamo infallibili non è semplice, una cosa che per me è stata veramente complicata è stato il fatto di riuscire ad ammettere che altri avessero ragione e riconoscere che i loro consigli facevano al caso mio, troppo spesso il mio ego voleva imporsi nelle discussioni con la pretesa di voler cambiare le persone solo per il piacere di avere ragione; questa è una grande prova da superare ed è solo la prima tappa obbligata per tutti quelli che iniziano questo percorso, perché meglio gestiremo il nostro ego meglio potremo gestire il nostro atteggiamento verso le situazioni esterne. Primo esercizio vero e proprio di questa mini giuda verso la consapevolezza: Gestire l’ego, prendi coscienza dei tuoi pensieri soprattutto quando ti trovi in una situazione difficile che ti infastidisce, poniti delle domande: perché sta accadendo? Cosa e perché mi infastidisce? Perché questo o quello mi sta dicendo quella cosa? Come posso porvi rimedio? Ma soprattutto sto realmente ascoltando con la mia mente sgombra oppure è il mio ego che sta pensando al posto mio?

(Henepola Gunaratana)

La consapevolezza è proprio questo: vivere attimo per attimo con pienezza e senza aggiungervi interpretazione. E’ solo l’attimo. Stai facendo qualcosa di ‘spiacevole’ me se lo vivi attimo per attimo dov’è che la nozione di ‘spiacevole’ può trovare una base d’appoggio?
La consapevolezza è attenzione cosciente al momento presente; avviene nel qui ed ora; è l’osservazione di quel che succede proprio adesso, in questo preciso istante. Sta sempre nel presente, perpetuamente sulla cresta dell’onda fugace del tempo che passa. Se ti ricordi della maestra delle elementari, allora quello è ricordo; quando ti rendi conto che stai ricordando la maestra delle elementari, quella è consapevolezza; e quando concettualizzi il processo e dici tra te e te: «Oh, sto ricordando», quello è pensiero
“.

Prossimo articolo il respiro consapevole!

Una tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo metti like e sostienici con una micro donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

STIAMO PER TORNARE SULLA LUNA?

Ebbene si stiamo per tornare sulla luna

Filmato in alta risoluzione

Ebbene sì stiamo per tornare sul nostro satellite ma questa volta per fortuna o disgrazia ci saremo anche noi italiani, e non sarà un viaggio di andata e ritorno in tempi brevi ma atterreremo sulla luna con l’intento di rimanerci, infatti questa  visione a lungo termine viene dal fatto che serve una base per portare l’uomo ancora più lontano e cioè arrivare su Marte. Dopo una ricerca tra le dichiarazioni ufficiali sembra che non questo progetto non sia solo sulla carta ma si tratta di un vero e proprio progetto già iniziato (googlate programma ARTEMIS).

Programma Artemis Luna/Marte

Questo programma mira a costruire una base permanente sul suolo lunare entro il prossimo ventennio, gode di un’ampia cooperazione internazionale logicamente a trazione principale USA che con il suo ente spaziale NASA guiderà il programma in collaborazione con le agenzie spaziali di Canada, Giappone e l’Europea ESA (European Space Agency) nello specifico all’interno della composizione dell’agenzia ESA l’Italia avrà un ruolo di primo piano che andrà al di fuori della semplice e già esistente filiera dello spazio. L’Agenzia Spaziale Italiana infatti sta già collaborando con molte industrie Italiane che hanno il compito di realizzare molteplici componenti non che i veri e propri moduli abitativi. Il primo punto del programma è costruire una stazione orbitale che orbiti attorno al nostro satellite e utilizzare la stessa come base d’appoggio, una sorta di magazzino spaziale per poi in un secondo momento costruire veri e propri moduli abitativi autosufficienti sul suolo lunare.

Il “lunar gateway”, così sarà chiamato la copia in formato ridotto della attuale stazione spaziale orbitale (ISS), avrà il compito di ospitare gli astronauti prima della discesa sulla luna, i primi lanci per la costruzione di questa stazione orbitale lunare sono in programma per il 2024. Si tratta di una sfida epocale e per l’Italia non sarà sicuramente un compito facile, d’altronde tutto questo programma impone uno sforzo ingegneristico fuori dal comune, percorrere i 400.000 chilometri che ci separano dal nostro satellite garantendo la sicurezza dell’equipaggio non solo nella traversata ma anche nella permanenza orbitale all’interno di una capsula sicuramente non sarà cosa da poco ancora oggi visto le difficoltà riscontrate, molti si chiedono se sia vera la storia che l’uomo abbia già calpestato il suolo lunare, il seme di questo avveniristico programma è stato piantato ora dovremo solo aspettare per vedere i risultati che arriveranno nei prossimi anni.

ALLA SCOPERTA DELLA CONSAPEVOLEZZA

Vi siete mai chiesti cosa ci fate sulla terra?

Qual è lo scopo, il fine ultimo della nostra presenza su questo pianeta?

Penso che quasi tutte le persone ignorino queste due semplici e al contempo difficili domande, anche se rispondere a questi quesiti, se ci guardassimo dentro, risulterebbe meno complesso di come pensiamo, la risposta corretta ad entrambe le domande sarebbe che il nostro scopo è quello di “evolverci per prendere coscienza di chi realmente siamo”.

Tutto quello che può definirsi vita su questo splendido pianeta blu deve crescere ed evolvere; basta guardarsi intorno: tutto nasce, evolve e muore, alberi, fiori, animali, insetti, e accade la stessa cosa per l’essere umano a cui tocca crescere e proseguire nella sua evoluzione.

Crescere in parte per l’essere umano significa “crescere interiormente” non pensiate che una volta finito lo sviluppo fisico, quando il corpo è oramai adulto non smetta di crescere perché non è così. E’ la nostra anima che deve continuare a crescere, e qua sorge spontaneamente la domanda veramente complicata: come si fa a crescere interiormente?

Ebbene prima di tutto bisogna smettere di crearsi problemi ulteriori rispetto a quelli che già la vita ci presenta sempre giorno dopo giorno dinnanzi al nostro cammino, io sono ateo ma mi ritrovo in due principi fondamentali presenti nella Bibbia, e che probabilmente sono presenti in qualsiasi altra religione esistente, io per meglio esprimere il concetto faccio un meltinpot della religione cristiana e buddista: l’uomo cresce e non smette di farlo attraverso l’amore e la fede. Non ci sarebbe nulla di complicato in questo concetto che però non può essere appreso fino a che non si riuscirà a guadare i nostri problemi con occhi diversi.

Amare può essere inteso in molteplici modi, io lo intendo come amare profondamente noi stessi, avere fede nelle nostre capacità, queste due semplici regole ci porteranno a vivere con intelligenza e nella piena consapevolezza.

Logicamente non si possono fare miracoli ma se si inizia anche lentamente passo dopo passo a pensare positivo e ci si dà come scopo mantenersi in buona salute fisica, mentale ed emotiva allora sarà possibile vedere il cambiamento, ogni essere umano va visto come una piccola cellula di questo grande universo.

Siamo su questo pianeta per evolvere, spendere energie per giudicare continuamente gli altri è solo una perdita di tempo, spesso perdiamo molte energie a vivere una vita “altrui” senza pensare veramente alla nostra, smettere di vivere la  vita solo tramite i social per essere sempre presente ad ogni costo è il punto di partenza, diventare veramente padrone del nostro tempo senza sprecarlo,  ecco il primo passo da fare, non conta essere credente o ateo siamo comunque tutti in cerca di benessere ma se non riusciremo ad avere come primo obiettivo il nostro benessere interiore nulla potrà mai cambiare.

Ci piace davvero come sta evolvendo questa umanità composta di futili social media dove ci spronano ad essere sempre al massimo delle nostre possibilità, dove cercano sempre di indottrinarci con questo nuovo modo di vivere dove “se non hai non sei”, attorno a noi le persone sono sempre più provate dalle malattie fisiche e mentali, prigioni, ospedali, farmacie continuano a moltiplicarsi come funghi in autunno, ogni giorno compaiono nuove e sconosciute patologie tutte da curare con semplici pilloline, i mass media ci vogliono tristi perché non possiamo  permetterci una vita da sogno (il sogno consumistico), i telegiornali ci propinano ogni giorno nuove atrocità, i nuovi virus da noi creati ci costringono ad una vita di reclusione, cerchiamo di colmare il vuoto immenso con nuovi inutili acquisti.

Come si può pensare realmente che tutto questo sia frutto di una evoluzione intelligente?

Se siete arrivati a questo punto della lettura significa che condividete questi pensieri e non vi ho ancora annoiati! Allora basta guardarsi attorno, ma bensì guardiamoci dentro: iniziamo insieme un percorso di crescita. Ho aperto questa sezione del mio blog perché io voglio crescere e so che è possibile farlo, è difficile e forse lo sarà sempre di più, ammetto che ho iniziato questo percorso tempo fa poi abbandonato come ho scritto nell’articolo precedente perché non vedevo risultati soddisfacenti ma ho tanto da dire in quanto mi sono creato il mio personale metodo adatto ai più scettici in pratica quelli che come me non credono alle religioni e hanno poco tempo libero ma che comunque pensano sia davvero importante prendersi del tempo anche se pochi minuti al giorno per evolvere e sentirsi migliori e più a contatto con la vera natura della realtà che ci circonda, gli articoli avranno una cadenza bisettimanale, non saranno difficili e non solo improntati al lato spirituale ma una vera e propria tecnica replicabile in qualsiasi momento della giornata, passo dopo passo senza fretta.

Il momento presente cambia così rapidamente che spesso non ci accorgiamo nemmeno della sua esistenza. Ogni momento mentale è come un’immagine d’una serie che passa attraverso un proiettore: alcune immagini vengono dalle impressioni sensoriali, altre vengono dalla memoria delle esperienze precedenti o dalle fantasie sul futuro. La presenza mentale è una specie di fermo immagine che ci mette in condizione di diventare coscienti delle sensazioni ed esperienze così come sono, senza la deflorante colorazione delle risposte socialmente condizionate o delle reazioni abituali.

“La consapevolezza non è soltanto una parola, ma un significativo stato mentale. Significa che dobbiamo essere presenti a noi stessi qui e ora, in questo preciso momento e dobbiamo essere coscienti di ciò che sta accadendo, fuori e dentro di noi. Significa stare attenti alle nostre motivazioni e imparare a cambiare le emozioni e i pensieri da malsani in sani. La consapevolezza è un’attività mentale che a tempo debito elimina tutta la sofferenza”.

PROSSIMO ARTICOLO: ESSERE PADRONI DELLA PROPRIA VITA (darà inizio al percorso di crescita personale)

Una tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo metti like e sostienici con una micro donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

UNA STORIA TUTTA ITALIANA

HOUSE OF CHIGI

Palazzo Chigi Roma

Questa pandemia ha portato con sé molteplici problemi per il nostro organismo, una dei più gravi è che ci ha reso più fragili intellettualmente, l’incessante martellare del mainstream con i dati sul contagio a tutte le ore, i virologi onnipresenti nei talk show italiani tanto da far pensare che nessuno di questi in effetti faccia davvero alcunché per debellare il covid dal nostro territorio, essendo sempre impegnati in discussioni nelle trasmissioni televisive. Plausibile inoltre che chi non si è allineato con il pensiero unico è stato escluso da qualsiasi discussione e fatto sparire dall’etere un po’ come per citare George Orwell credo sia stata creata una sorta di “pensiero crimine governato dal ministero della verità” infatti nell’ultimo anno abbiamo assistito a tutta una serie di contraddizioni che neanche nei più reconditi meandri della mente malata di un sociopatico potevano avvenire, le continue notizie incoerenti ci hanno definitivamente offuscato la mente tutto e il contrario di tutto ecco cosa è avvenuto nell’anno 2020 ricorderò questo periodo come una grande mondiale follia generalizzata per un virus che se preso in tempo si può benissimo contrastare, prima che passi ad una forma acuta con una semplice aspirina e questo oramai è agli atti su tutti gli studi clinici, la cosa più sconvolgente è che sono morte migliaia di persone per protocolli sanitari errati e nessuno ne parla, tutto il mainstream ora è troppo occupato a parlare delle decine di vaccini che nel giro di un solo anno sono stati creati praticamente dal nulla e di come con questi riprenderemo la nostra solita vita, non per fare il saccente ma anche qua trovo delle analogie con il libro 1984 infatti, non troppo vagamente, tali trasmissioni mi ricordano molto la descrizione che Orwell fa del ministero dell’abbondanza e dei comunicati stampa sempre rivisti per far quadrare le precedenti dichiarazioni.

La politica poi in questo periodo ha veramente dato il peggio di sé sprecando ingenti risorse che potevano essere destinate alla disastrata sanità Italiana in bonus veramente incomprensibili, uno su tutti il bonus monopattino, ma gli errori gravi di un governo totalmente incompetente non sono stati solo quelli di sprecare soldi a manca e a destra, hanno di fatto limitato le libertà personali in modo indiscriminato senza provvedere in alcun modo a pianificare un rapido intervento sul trasporto urbano. Ne abbiamo visto davvero delle belle ristoranti, bar, negozi, centri commerciali chiusi e autobus e metropolitane colme all’inverosimile; per non parlare poi del coprifuoco alle ventidue in pratica è come se una banda di scappati di casa entrasse nella sala dei bottoni e così a caso scrivesse nei DPCM tutto ciò che gli passa per la testa.

Il 2021 è iniziato nel peggiore dei modi possibili questi scalcinati mentecatti che stanno a Roma hanno dato vita alla più confusionista crisi di governo mai vista in tutta l’era repubblicana, replicando non solo i clamorosi errori della seconda repubblica ma anche e anche qua mi tocca citare Orwell cercando di modificare e mistificare la realtà dei fatti. In pratica il governo, ora fortunatamente dimissionario, ha messo in campo tanti piccoli e poco acculturati Winston, qui cito direttamente da 1984 perché è ciò a cui si è assistito e cioè“se tutti raccontavano la stessa menzogna, allora la suddetta menzogna passava alla storia diventando realtà”. Per ultimo abbiamo assistito ad una compravendita di senatori e “onorevoli” mai vista nella storia repubblicana nonché la già vista questua di voti.

Ora proprio mentre scrivo il “saggio” Mattarella presidente della repubblica Italiana ha dato l’incarico a Mario Draghi di formare un nuovo esecutivo. Questa pessima telenovela chiamata House of Chigi composta da veline, indiscrezioni e componenti del governo che erano più presenti su Facebook che veramente a governare, spero sia giunta al termine.

Una cosa è certa, mai più nulla sarà come prima!

Una tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo metti like e sostienici con una micro donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Benvenuto nel mio V-log

Non sono esperto, n’è tantomeno capace di creare video ma piano piano voglio imparare e come diceva Giacomo Puccini: L’ispirazione è un risveglio, una fuga da tutte le facoltà umane, e si manifesta in tutte le grandi conquiste artistiche.

Tratterò diversi argomenti, arte, fotografia, astronomia crescita personale sempre con il punto di vista dell’uomo comune.

Questo è il mio inizio

Per raccontare una vita di cui nessuno conosce l’esistenza serve un punto d’inizio o meglio un punto d’inizio serve per qualsiasi cosa però una vita non ha mai un punto d’inizio ben definito solo il punto di fine è ben definito.