Le Cose Più Belle Son Quelle Che Durano Poco….

Ieri sera dal giardino di casa al rientro della consueta passeggiata serale con i miei amici quadrupedi ho guardato il cielo come faccio di solito (essendo appassionato di fotografia e astronomia) ho visto la luna al tramonto mentre il cielo era ancora di un bel azzurro intenso, tutt’intorno aveva delle nuvole di uno splendido rosa acceso, sono corso in casa a prendere la macchina fotografica ho montato il 400mm, il tempo di effettuare queste semplici e veloci operazioni e la situazione era già cambiata, le nuvole si muovevano in fretta spinte forse da una forte corrente d’alta quota che tecnicamente si chiamano correnti a getto, ho scattato d’impulso senza preoccuparmi delle impostazioni utilizzando la priorità di tempi premurandomi solo di abbassare di un mezzo stop e lasciando che del resto si occupasse la mia Canon. l’immagine è venuta come quello che aveva visto il mio occhio dieci minuti prima ? Purtroppo no…… la scena è cambiata in fretta molte delle nubi erano già evaporate o comunque spostate da vento, il sole si era abbassato di qualche grado modificando il riflesso rosa delle nubi che ora tendeva più al grigio in pratica per citare una canzone di Marta Sui Tubi, Le Cose Più Belle Son Quelle Che Durano Poco, aggiungo, le migliori fotografie sono i nostri ricordi…………

cit, Charrlotte Gainsbourg

“Forse la differenza tra me e le altre persone è che ho sempre chiesto di più al tramonto. I più spettacolari colori, quando il sole incontra l’orizzonte.
Forse è questo il mio unico peccato.”
Frase tratta dal dal film Nymphomaniac

PENSIERI BREVI IN PRATICA DEI TWITT

Sento di non potete fare a meno di segnare come su un diario virtuale tutti i miei pensieri, non essendo un nostalgico della penna d’oca e del calamaio pieno di inchiostro, ho deciso di farlo qua dedicandoci una sezione apposita dunque se vi interessa, non dovete fare altro che gustarvi tutte le frasi e i pensieri presenti qui sotto, molte saranno citazioni, altre vi sembreranno deliri di un malato di mente e avrete ragione se lo penserete perché questa è la mia realtà, ne vale la pena leggerli? non so, forse si forse no, non vi resta che sperimentare.

Giuliano Domenichini

LA NOSTRE FRAGILITA’

“Ed ecco che, all’improvviso, scopriamo quanto siamo fragili
ogni programma, ogni convinzione, ogni preoccupazione del vivere quotidiano perde importanza
dinanzi al manifestarsi della nostra fragilità materiale ma soprattutto mentale,
non dimentichiamolo quando il momento in cui la natura si sarà quietata
potremo riprendere le nostre routine da ignobili e stupide creature 
con i pensieri persi nella presunzione di potere fare ogni cosa,
di essere invincibili, di poter comandare tutto e tutti.”

Alla fine, ciò che conta non sono gli anni della tua vita, ma la vita che metti in quegli anniAbraham Lincoln

Una nuova vita

In questo periodo storico per vivere con un minimo di serenità l’unico modo che conosco è l’auto isolamento.
Da oggi basta covid, basta mascherina, basta lasciapassare, basta discussioni inutili ma soprattutto basta TV con i palinsesti preconfezionati e talk show pollaio importati solo a creare paure, divisioni e alienazione.
Come vedete dalle foto il sole anche oggi è sorto e sorgerà anche domani con una piccola differenza, il mio domani sarà più sereno……..

L’alba è una specie di sbiancare del cielo; una specie di rinnovamento.
Un altro giorno; un altro venerdì; un altro venti di marzo, di gennaio, o di settembre. Un altro risveglio generale.

Virginia Woolf

UNA GENERAZIONE DI “GRETINI”

Il Bla, Bla, Bla di Greta e i suoi seguaci………

ANDREW BOLT, giornalista di SkyNews Australia,critica giustamente i “GRETINI” che hanno recentemente manifestato per il clima:
“Voi siete la prima generazione che ha preteso l’aria condizionata in ogni sala d’aula; le vostre lezioni sono tutte fatte al computer; avete un televisore in ogni stanza; passate tutta la giornata a usare mezzi elettronici; invece di camminare a scuola prendete una flotta di mezzi privati che intasano le vie pubbliche; siete i maggiori consumatori di beni di consumo di tutta la storia, comperando in continuazione i più costosi capi di abbigliamento per essere ‘trendy’; la vostra protesta è pubblicizzata con mezzi digitali e elettronici.
Ragazzi, prima di protestare, spegnete l’aria condizionata, andate a scuola a piedi, spegnete i vostri telefonini e leggete un libro, fattevi un panino invece di acquistare cibo confezionato.
Niente di ciò accadrà, perché siete egoisti, maleducati, manipolati da persone che vi usano, proclamando di avere una causa nobile mentre vi trastullate nel lusso occidentale più sfrenato”.
E con questo giusto discorso si chiude questa ennesima tristezza sui giovani che ipocritamente protestano.

GRETA THUMBERG

“UNA GENERAZIONE DI “CRETINI”

Andrew Bolt

Andrew Bolt è un commentatore politico australiano. Ha lavorato per molti anni presso la società dei giornali The Herald e Weekly Times con sede a Melbourne, sia per The Herald che per il suo successore, l’Herald Sun.

BUTTERFLY WATCHING

Fotografare le farfalle

Quest’estate mi sono cimentato con un genere di fotografia che non avevo mai approfondito veramente, ho provato più volte a correre dietro a questi graziosi insetti ma mi è sempre mancato un particolare stato d’animo per poter immortalare le farfalle in tutto il loro splendore, mi è sempre mancata la pazienza necessaria per saper aspettare il momento giusto, la voglia di corrergli dietro per ore, in pratica la pigrizia mi ha sempre bloccato.

Trovandomi in una situazione personale un po’ più tranquilla quest’estate mi sono rimboccato le maniche, ho preparato l’attrezzatura e mi sono messo a fare lunghe passeggiate nei campi dietro casa scoprendo che un prato ricolmo di fiori è un vero splendore, una vera gioia per gli occhi, quindi non ancora conscio di quello che avrei dovuto fare, ho iniziato a fotografare tutto ciò che colpiva il mio occhio iniziando proprio dai fiori concentrandomi su tutto ciò che si muoveva, lì nell’immensamente piccolo infatti ho iniziato a scrutare più da vicino fra l’erba e gli steli dei fiori, e scoperto una grande varietà di insetti curiosi e colorati, su tutti però spiccano le farfalle e proprio a loro che ho rivolto l’obiettivo macro della mia fotocamera.

Durante differenti escursioni fotografiche lungo il Parco Fluviale del Taro e sulle colline di Reggio Emilia, più nello specifico nella zona delle colline Matildiche ho iniziato questa nuova avventura fotografica scoprendo che le farfalle e i fiori sono una realtà estremamente fotogenica.

La prima giornata non è stata molto proficua anzi devo dire al quanto deludente, sono riuscito a portare a casa molti scatti di fiori, immagini scattate tra i campi e i giardini delle abitazioni che ho incontrato sul mio cammino ma immagini apprezzabili di farfalle no, mi mancava ancora la conoscenza giusta per poter creare immagini di questi insetti volanti, la prima cosa che ho capito è che la mattina presto e il tardo pomeriggio sono i momenti ideali per fotografare le farfalle perché il clima è più fresco e gli insetti sono meno attivi.

Non essendo uno studioso non mi sono soffermato a studiare l’habitat preferito di ogni varietà anche se per ottenere perfette immagini di farfalle, sia dal punto di vista estetico che da quello tecnico, è meglio conoscere le abitudini e la condotta di ogni specie, in pratica bisognerebbe conoscere alla perfezione dove gli piace “scorrazzare”, ogni specie ha il suo habitat che sia prato, brughiera, cespugli, boschi, pascoli, io mi sono limitato a prendere il mio obbiettivo macro e girovagare per le colline tra le provincie di Parma e Reggio Emilia.

Ho capito subito che non è facile infatti avvicinarsi a una farfalla quindi ho agganciato al corpo macchina uno zoom, un tele-macro ti permette di fotografare gli insetti ad una distanza di sicurezza, senza disturbarli o spaventarli.

In merito all’attrezzatura fotografica che ho utilizzato, avevo con me: un obiettivo macro con lunghezza focale di 100mm F 2,8 e uno zoom da 70/200 F 2,8 (quest’ultimo è sicuramente la scelta migliore, più versatile e si presta molto bene per scatti veloci senza doversi avvicinare troppo, infatti il vantaggio principale offerto da questa ottica è proprio la distanza di scatto).

Il solo utilizzo del teleobbiettivo però non mi ha garantito una zona di lavoro ottimale, a mie spese ho capito (dopo diverso tempo speso a rincorrerle) che non si deve calpestare la vegetazione adiacente ai loro posatoi, che bisogna muoversi molto lentamente e non bisogna proiettare l’ombra su di loro perché si spaventano e fuggono subito, è meglio fermarsi osservare i loro movimenti capire dove preferiscono posarsi e aspettare il loro arrivo.

In pratica ho passato ore seduto nell’erba e attendendo che fossero le farfalle a venire da me e non il contrario, ho capito che in genere tornano sullo stesso posatoio o su uno nelle immediate vicinanze entro i dieci, quindici minuti.

Congelare la scena in uno scatto perfetto non è l’unica difficoltà che ho riscontrato, dopo diversi scatti ho preferito mettere a fuoco manualmente perché non sempre la messa a fuoco dell’obbiettivo era abbastanza rapida, parlando sempre di tecnica e impostazioni ho notato che un diaframma di f/5,6 è un valore che mi ha permesso di avere l’intero animale nitido e lo sfondo sfocato anche se per ottenere un’immagine nitida la fotocamera va tenuta parallela alle ali.

Il sole è stato un vero problema in quanto deve essere sempre alle spalle per avere la farfalla tutta illuminata e senza ombre, sembra un problema banale e di facile risoluzione ma con un soggetto quasi sempre in movimento credetemi stavo impazzendo perché le farfalle hanno la tendenza a prendere in giro il fotografo e si fermano sempre dove la fotografia diventa impossibile. Anche trovare farfalle con ali che non fossero rotte o comunque con parti mancanti non è stato facile.

Ho combattuto inoltre  con l’effetto mosso per ore in quanto: la farfalla si muove,  in più c’è il movimento del fiore su cui è posata,  il tremolio della fotocamera tenuta in mano, anche il vento deve essere tenuto in grande considerazione, anche la minima brezza può rivelarsi estremamente problematica(una velocità del vento superiore a 10-15 km/h ti creerà grosse difficoltà di messa a fuoco e di fermo immagine), per congelare l’azione e aumentare le possibilità di ottenere una foto nitida, ho impostato un tempo di scatto breve (es. 1/1000) e ho aumentato la sensibilità a seconda della posizione del sole, ISO da 200 a 400 invariante, impostando lo scatto continuo perché il passaggio di una farfalla sul fiore potrebbe durare solo pochi secondi.

Ho tentato anche di riprendere le farfalle in volo per creare immagini d’azione, confesso che non è assolutamente facile, ho cancellato il 99% degli scatti.

In tutto ho fatto cinque uscite solo per fotografare questi insetti, essendo state le prime sperimentazioni su questo genere d’immagini il risultato è sicuramente tecnicamente perfettibile, ho imparato molto dagli errori e soprattutto è stata una sfida mentale in quanto la pazienza gioca un ruolo estremamente importante come tutti gli animali selvatici, le farfalle non possono essere forzate ad andare dove vogliamo noi, ho ottenuto alcune immagini molto gratificanti, anche se non sorprendenti dal punto di vista estetico/tecnico la prossima estate cercherò di replicare l’esperienza sperando di migliorare la mia tecnica con quello che ho imparato in questa prima esperienza.

Cosa ho imparato da questo progetto fotografico:

Fotografa nelle ore più fresche della giornata.

Mantieni il sensore della fotocamera parallelo alle ali della farfalla.

Usa un obiettivo macro.

Anticipa i movimenti della farfalla.

Usa cavalletto monopiede o un treppiede.

Piccolo consiglio: poiché probabilmente avrai a che fare con una profondità di campo ridotta, l’unico modo per mettere a fuoco l’intera ala della farfalla è se tieni la fotocamera parallela alle ali. Detto questo, non abbiate paura di mescolare le cose, facendo scatti dall’alto, da davanti alla farfalla concentrandosi sul suo viso o da altre angolazioni uniche. Ma se vuoi il pieno effetto di dettagli nitidi e nitidi su tutta l’ala, devi essere “VERAMENTE” parallelo alla farfalla cosa assolutamente non facile da eseguire, fortunatamente con l’avvento del digitale gli scatti non determinano un costo quindi preparati a sbagliare e non farti scoraggiare serve tempo, impegno e moltissimi scatti…………..

La farfalla, è qualcosa di particolare, non è un animale come gli altri, in fondo non è propriamente un animale ma solamente l’ultima, più elevata, festosa e vitalmente importante essenza di un animale. È la forma festosa, nuziale… di quell’animale che… era giacente crisalide e ancor prima affamato bruco. La farfalla non vive per cibarsi e invecchiare, vive solamente per amare e concepire, e per questo è avvolta in un abito mirabile…Tale significato della farfalla è stato avvertito in tutti i tempi e da tutti i popoli…È un emblema sia dell’effimero, sia di ciò che dura in eterno… È un simbolo dell’anima…


(Hermann Hesse)

Video delle immagini realizzate

Galleria immagini

I NO VAX SONO DEI VIOLENTI?

Manifestazione contro il GREEN PASS

Prima li hanno definiti coglioni e ignoranti ora invece tutto il mainstream allineato ha cambiato rotta li sta definendo dei criminali da arrestare e tutto questo per una manciata di facinorosi che tengo a precisare ci sono sempre da tutte le parti in più su tutte le testate giornalistiche e televisioni si accomuna NO VAX con chi è solo contro il GREEN PASS tutto questo vi sembra corretto?

INFORMAZIONE E DISINFORMAZIONE VANNO DI PARI PASSO

Partiamo da come vengono definiti e catalogati dall’informazione di regime. I NO VAX sono considerati dei coglioni ignoranti, tutti i talk show Italiani passano ore a parlarne talvolta deridendoli e etichettandoli come buffoni ignoranti, cercano di capirne la fenomenologia perché non ammettono un pensiero contrario al vaccino santifico, ma soprattutto non ammettono che si possa parlare di cure alternative, io conosco personalmente dei NO VAX ed è vero alcuni spesso non sanno quello di cui stanno parlando ma fidatevi non sono tutti così, la maggioranza sono persone molto informate si documentano cercando informazioni sapendo ben distinguere le notizie false da quelle vere, ma a chi ha il dovere di diffondere una informazione corretta, i giornalisti, questo non interessa a tutto il mainstream interessa solo farne una falsa “psicoanalisi” ne fanno una catalogazione superficiale, cercano di dividerli e catalogarli per colpirli meglio e in questa catalogazione ci finisce di tutto dagli ex fascisti ai nuovi comunisti.

In questa grande divisione per classificazione ci finiscono dentro anche gli ambientalisti i vegani e tutte quelle persone che giustamente equiparano il lasciapassare verde alla stella gialla degli ebrei, tutte le televisioni tentano di fare capire a questi “poveri decerebrati” di no vax che chi si è già vaccinato con il siero santifico tra le persone comuni sono i laureati e lettori di quotidiani (in pratica vogliono trasmettere il messaggio che chi è intelligente è favorevole al vaccino) ci dicono anche che tra i contrari il 30 per cento si informa sui social in particolare perché purtroppo sono finiti in bolle di condivisione, in pratica ci vogliono dire che se la raccontano tra loro indottrinati da osteopati, psichiatri olistici, cattolici antipapisti senza tralasciare la categoria più invisa ai principali mezzi d’informazione: i medici, scienziati incompetenti e premi nobel che non si risparmiano di definirli “rincoglioniti dall’età” ma la definizione che passa di più su tutte le televisioni è che i contrari al vaccino mRNA messaggero o vettore virale sono mediamente dei coglioni o degli ignoranti poco “studiati”, oggi invece c’è una novità che desta il mio interesse ora stiamo imparando che il problema non è più solo socio-sanitario ma è anche di ordine pubblico si sono accorti che ci sono anche No Vax violenti però ci tengo a precisare che per il momento si tratta solo di casi sporadici che si contano sulla punta delle dita di una sola mano, precisando che per definizione l’essere umano è vario e non è corretto fare di tutta l’erba un fascio e che i violenti vadano sicuramente fermati prima che diventino pericolosi.

Ora per questi pochi casi i giornali e le televisioni titolano a tutta pagina di giornalisti e ristoratori aggrediti, blocchi stradali, isterie di gruppo ma soprattutto le tanto famigerate manifestazioni non autorizzate, (però consentono e non parlano dello svolgimento di assembramenti per europei di calcio o rave party di settimane) ci sono anche giornalisti che invocano il censimento ufficiale dei no vax asserendo che contestualmente vadano arrestati.

Per la serie virologi da salotto va in onda oggi la puntata: il trash pandemico senza speranza di guarigione.
Purtroppo è una foto autentica campeggia sul profilo Instagram di Bassetti.
Forse è convinto di essere George Clooney in E. R. , comunque i mocassini da milanese imbruttito non si possono guardare!
Il tempo mette ognuno al proprio posto, ogni regina sul proprio trono e ogni pagliaccio nel suo circo!

Ecco vedete è qua che deve scattare una presa di coscienza collettiva tra i vaccinati e i non vaccinati, perché oramai il gioco che stanno mettendo in atto è chiaro e lampante spingono sempre di più sulla contrapposizione sul creare due schieramenti contrapposti che si fanno la guerra tra loro distogliendo lo sguardo dai veri problemi di sospensione della democrazia a cui stiamo assistendo, ora vi svelerò un “segreto”, io sono vaccinato ma sono fortemente contrario al LASCIAPASSARE, forse anch’io sono da arrestare? Se parteciperò ad una manifestazione contro il green pass mi censiranno come no vax? Voglio fare una semplice riflessione: Sei premi Nobel per la medicina mettono in guardia sui pericoli dei vaccini mRNA, mentre tutti i giornalisti di LA7 (i più estremisti) sono certi della loro efficacia e forse sono talmente estremisti da giurarlo sulla bibbia.

Un altro Nobel per la medicina dice che i vaccini non sono testati per le possibili conseguenze a lungo termine, mentre il politico (di destra o sinistra non fa differenza) è completamente certo che a dieci o venti anni non creeranno nessun problema, tanto a lui che gli frega al massimo ci sarà un grosso risparmio sulle casse dell’INPS.

Ancora un altro Nobel per la chimica dice che la composizione del vaccino potrebbe far sviluppare gravi malattie, mentre il TELEVIROLOGO da salotto asservito e pagato dalle multinazionali del farmaco è certo che non potrà mai sviluppare nessuna malattia.

Il padre della tecnologia mRNA colui che l’ha inventata, giusto per essere precisi, sostiene che la somministrazione ai bambini è pericolosa e non andrebbe fatta, mentre il farmacista sotto casa è certo che vada somministrato anche ai neonati e perché no anche agli animali da compagnia.

Il più grande virologo del mondo dice che con una pandemia in corso la soluzione non deve essere solo la somministrazione di vaccini, mentre tutti i televirologi da salotto a busta paga delle aziende farmaceutiche dicono che la soluzione è vaccinare tutti indistintamente sempre e comunque con una, due, tre, quattro, cinque dosi anzi facciamo una dose per i prossimi cinquant’anni.

Il “massimo” esponente dei medici dice che il green pass al fine di fermare i contagi è un provvedimento inutile, mentre il segretario della sezione rievocazione storica di Monculo Marittimo (ridente località balneare) dice che il vaccino è la soluzione a tutti i problemi dell’universo.

il green pass non serve come misura di sanità pubblica!

Il Consiglio d’Europa dice che non si può obbligare nessuno a vaccinarsi e chi non vuol farlo va tutelato non discriminato, mentre il Consiglio supremo dei politicamente corretti dice che “chi non si vaccina va chiuso in casa come un sorcio agli arresti domiciliari”, Citazione di Roberto Burioni alla faccia delle nuove leggi sull’odio in rete.

Poi, c’è anche chi ha provato a pensare a soluzioni alternative al vaccino tra l’altro per chi non lo sapesse molto efficaci, chi ci ha provato prima è stato declassato da primario di un noto ospedale Italiano a medico della mutua poi visto che non si è arreso è stato trovato morto dicono suicidio io lo definisco in altro modo (lo hanno suicidato). Ribadisco che io sono vaccinato, e non sono contro ai vaccini, ma secondo voi sarà il caso di riflette su questo oppure no?

Per voi va tutto bene così?

Ho fatto un po’ di facile ironia in quanto viene facile vedendo tutte queste contraddizioni comunicative che ci stanno facendo mandare giù come fosse acqua fresca danno una notizia e dopo un minuto il contrario di quanto detto, i talk show (soprattutto quelli di LA7) sono inguardabili, solo chi ha un quoziente intellettivo di -60 riesce a resistere inchiodato lì davanti senza bestemmiare dopo un solo minuto, non so se ci avete fatto caso ma invitano sempre i soliti personaggi, e non invitano mai a fare da contro altare i medici che contestano i vaccini mRNA, contrappongono sempre i “virologi da salotto” a politici di destra premurandosi che siano in netta minoranza ma soprattutto cercando di innescare un feroce dibattito facendo passare per idioti gli interlocutori che proferiscono parola contraria ai vaccini o all’attuale green pass, il metodo che utilizzano è semplice quando l’interlocutore di turno dice cosa sgradita ma vera lo interrompono o ci parlano sopra in un modo insopportabile e scatenano i “cani” da guardia cioè il televirologo di turno. Guardare questi programmi mi fa venire in mente il famoso libro La fattoria degli animali di Eric Blair in arte George Orwell che nei suoi romanzi ha lasciato una sintesi tuttora attuale di “denuncia etico-storica” e di “profezia negativa” sulla perenne violenza e arroganza del Potere la correlazione a quanto viene descritto nel libro è evidente nella conduzione di questi programmi, parafrasando il famoso romanzo, i conduttori sono le pecore che a comando interrompono con il proprio belare chi prova a fare un ragionamento sensato e i cani da guardia sono i televirologi pronti a sbranare chiunque proferisca verbo contrario al santo vaccino/green pass. Cosi per mero esercizio ho provato a fare un conto del tempo passato in televisione dal professor Massimo Galli e bene mediamente dallo sviluppo di questa pandemia ha passato ben millecinquecentoottantasei ore tra programmi d’informazione in presenza e collegamenti diretti dal suo ufficio in pratica sono la bellezza di sessantasei giorni considerando che un essere umano ha bisogno di dormire salta fuori un conto di almeno quattro mesi buttati a parlare nei vari programmi televisivi tempo che forse sarebbe stato speso meglio curando i malati di covid19 che aveva in corsia. il “signor” Matteo Bassetti lo segue a ruota con ottocentonovantacinque ore.

Non sono mai stato un no vax ma sinceramente con tutta questa disinformazione e martellamento continuo lo sto diventando!

LA RADICE DEL GREEN PASS È NELLA CINA COMUNISTA

Il lasciapassare verde è un’idea europea, ma l’origine è la Repubblica Popolare Cinese. Benché altre piccole realtà lo avessero introdotto su scala ridotta, nel marzo scorso, il regime di Pechino si è fatto promotore dell’idea su scala globale. Lo scopo dichiarato, sia del “passaporto vaccinale” cinese che del pass verde europeo, era quello di poter viaggiare “liberamente” in sicurezza. Chi conosce, però, i metodi comunisti sa che uno strumento nato con uno scopo formalmente innocuo, può trasformarsi, in men che non si dica, in un altro dispositivo di controllo totalitario. Che tipo di strumento? In Cina, in particolar modo, è un’integrazione al sistema di crediti sociali, con cui lo Stato valuta ogni singolo comportamento del cittadino e gli assegna un punteggio positivo o negativo. Se il punteggio è troppo basso, il cittadino viene escluso da una serie di servizi, fino a diventare prigioniero in casa sua e privato dell’accesso ai suoi risparmi. Se è particolarmente basso, il cittadino viene esposto al pubblico ludibrio, a una gogna elettronica, su Internet, sui maxischermi nei luoghi pubblici e sui media. Se è sotto una soglia minima, il cittadino disobbediente finisce in campo di rieducazione.

per leggere tutto cliccate sotto:

PROFEZIA DELL’ULTIMO MINUTO

A ottobre, come già successo in stati ad alta percentuale di vaccinati con siero mNRA, sarà esplosione di fenomeni ADE abbreviazione di Antibody-dependent Enhancement (Il fenomeno biologico di cui parliamo è una delle ragioni per cui un vaccino può risultare inefficace, qualora non vengano sviluppati gli anticorpi “giusti”). Questo fenomeno è stato scoperto nel 1977 da un virologo che studiava la malattia di Dengue e da allora è stato riconosciuto anche per altri virus, inclusi alcuni della famiglia dei coronavirus. La soluzione “falsa”, sarà la 3° dose. E la colpa ricadrà su chi non si è vaccinato.

Preparatevi, ora il lasciapassare diventerà indispensabile poi piano piano toglieranno i diritti rimasti facendoci finire in un modello di società nuova e vecchia allo stesso tempo, nuova perché mai vista prima nel mondo occidentale, vecchia perché ipotizzata da Eric Blair nei suoi romanzi, si prenderà ad esempio la Cina e il suo “democratico” regime, esiste una città in Cina dove tutto questo è già realtà, dicono in fase di sperimentazione, controllo capillare dei cittadini, sistema a punti per il controllo e la classificazione sociale, censura del pensiero espresso pubblicamente, telecamere onnipresenti, in pratica stanno sperimentando ciò che George Orwell ha scritto nei suoi libri. Poi dicono che non bisogna diventare cattivi!

la divisione, la rivalità, la discordia dei popoli soggetti giova a chi vuol dominarli

Per il momento penso non ci sia altro da aggiungere…………………

Il comunista medio Italiano

Pensieri e perplessità….

Mi sfugge il motivo dell’attrazione del comunista medio italiano per la sharia.
Una sorta di desiderio recondito e inespresso?
Io penso che il comunista medio Italiano ama tutto ciò che si oppone a: economia di mercato, pensiero liberale, capitalismo, ecc. In questo insieme c’è un po’ di tutto, da Cuba alla Cina (a cui guarda con amministrazione) e “duce” sin fundo ora non maschera una simpatica ammirazione per i Talebani che hanno messo in ginocchio il grande imperialismo USA, ha solo una notevole eccezione, l’Arabia Saudita, perché c’è stato Renzi😂