BUTTERFLY WATCHING

Fotografare le farfalle

Quest’estate mi sono cimentato con un genere di fotografia che non avevo mai approfondito veramente, ho provato più volte a correre dietro a questi graziosi insetti ma mi è sempre mancato un particolare stato d’animo per poter immortalare le farfalle in tutto il loro splendore, mi è sempre mancata la pazienza necessaria per saper aspettare il momento giusto, la voglia di corrergli dietro per ore, in pratica la pigrizia mi ha sempre bloccato.

Trovandomi in una situazione personale un po’ più tranquilla quest’estate mi sono rimboccato le maniche, ho preparato l’attrezzatura e mi sono messo a fare lunghe passeggiate nei campi dietro casa scoprendo che un prato ricolmo di fiori è un vero splendore, una vera gioia per gli occhi, quindi non ancora conscio di quello che avrei dovuto fare, ho iniziato a fotografare tutto ciò che colpiva il mio occhio iniziando proprio dai fiori concentrandomi su tutto ciò che si muoveva, lì nell’immensamente piccolo infatti ho iniziato a scrutare più da vicino fra l’erba e gli steli dei fiori, e scoperto una grande varietà di insetti curiosi e colorati, su tutti però spiccano le farfalle e proprio a loro che ho rivolto l’obiettivo macro della mia fotocamera.

Durante differenti escursioni fotografiche lungo il Parco Fluviale del Taro e sulle colline di Reggio Emilia, più nello specifico nella zona delle colline Matildiche ho iniziato questa nuova avventura fotografica scoprendo che le farfalle e i fiori sono una realtà estremamente fotogenica.

La prima giornata non è stata molto proficua anzi devo dire al quanto deludente, sono riuscito a portare a casa molti scatti di fiori, immagini scattate tra i campi e i giardini delle abitazioni che ho incontrato sul mio cammino ma immagini apprezzabili di farfalle no, mi mancava ancora la conoscenza giusta per poter creare immagini di questi insetti volanti, la prima cosa che ho capito è che la mattina presto e il tardo pomeriggio sono i momenti ideali per fotografare le farfalle perché il clima è più fresco e gli insetti sono meno attivi.

Non essendo uno studioso non mi sono soffermato a studiare l’habitat preferito di ogni varietà anche se per ottenere perfette immagini di farfalle, sia dal punto di vista estetico che da quello tecnico, è meglio conoscere le abitudini e la condotta di ogni specie, in pratica bisognerebbe conoscere alla perfezione dove gli piace “scorrazzare”, ogni specie ha il suo habitat che sia prato, brughiera, cespugli, boschi, pascoli, io mi sono limitato a prendere il mio obbiettivo macro e girovagare per le colline tra le provincie di Parma e Reggio Emilia.

Ho capito subito che non è facile infatti avvicinarsi a una farfalla quindi ho agganciato al corpo macchina uno zoom, un tele-macro ti permette di fotografare gli insetti ad una distanza di sicurezza, senza disturbarli o spaventarli.

In merito all’attrezzatura fotografica che ho utilizzato, avevo con me: un obiettivo macro con lunghezza focale di 100mm F 2,8 e uno zoom da 70/200 F 2,8 (quest’ultimo è sicuramente la scelta migliore, più versatile e si presta molto bene per scatti veloci senza doversi avvicinare troppo, infatti il vantaggio principale offerto da questa ottica è proprio la distanza di scatto).

Il solo utilizzo del teleobbiettivo però non mi ha garantito una zona di lavoro ottimale, a mie spese ho capito (dopo diverso tempo speso a rincorrerle) che non si deve calpestare la vegetazione adiacente ai loro posatoi, che bisogna muoversi molto lentamente e non bisogna proiettare l’ombra su di loro perché si spaventano e fuggono subito, è meglio fermarsi osservare i loro movimenti capire dove preferiscono posarsi e aspettare il loro arrivo.

In pratica ho passato ore seduto nell’erba e attendendo che fossero le farfalle a venire da me e non il contrario, ho capito che in genere tornano sullo stesso posatoio o su uno nelle immediate vicinanze entro i dieci, quindici minuti.

Congelare la scena in uno scatto perfetto non è l’unica difficoltà che ho riscontrato, dopo diversi scatti ho preferito mettere a fuoco manualmente perché non sempre la messa a fuoco dell’obbiettivo era abbastanza rapida, parlando sempre di tecnica e impostazioni ho notato che un diaframma di f/5,6 è un valore che mi ha permesso di avere l’intero animale nitido e lo sfondo sfocato anche se per ottenere un’immagine nitida la fotocamera va tenuta parallela alle ali.

Il sole è stato un vero problema in quanto deve essere sempre alle spalle per avere la farfalla tutta illuminata e senza ombre, sembra un problema banale e di facile risoluzione ma con un soggetto quasi sempre in movimento credetemi stavo impazzendo perché le farfalle hanno la tendenza a prendere in giro il fotografo e si fermano sempre dove la fotografia diventa impossibile. Anche trovare farfalle con ali che non fossero rotte o comunque con parti mancanti non è stato facile.

Ho combattuto inoltre  con l’effetto mosso per ore in quanto: la farfalla si muove,  in più c’è il movimento del fiore su cui è posata,  il tremolio della fotocamera tenuta in mano, anche il vento deve essere tenuto in grande considerazione, anche la minima brezza può rivelarsi estremamente problematica(una velocità del vento superiore a 10-15 km/h ti creerà grosse difficoltà di messa a fuoco e di fermo immagine), per congelare l’azione e aumentare le possibilità di ottenere una foto nitida, ho impostato un tempo di scatto breve (es. 1/1000) e ho aumentato la sensibilità a seconda della posizione del sole, ISO da 200 a 400 invariante, impostando lo scatto continuo perché il passaggio di una farfalla sul fiore potrebbe durare solo pochi secondi.

Ho tentato anche di riprendere le farfalle in volo per creare immagini d’azione, confesso che non è assolutamente facile, ho cancellato il 99% degli scatti.

In tutto ho fatto cinque uscite solo per fotografare questi insetti, essendo state le prime sperimentazioni su questo genere d’immagini il risultato è sicuramente tecnicamente perfettibile, ho imparato molto dagli errori e soprattutto è stata una sfida mentale in quanto la pazienza gioca un ruolo estremamente importante come tutti gli animali selvatici, le farfalle non possono essere forzate ad andare dove vogliamo noi, ho ottenuto alcune immagini molto gratificanti, anche se non sorprendenti dal punto di vista estetico/tecnico la prossima estate cercherò di replicare l’esperienza sperando di migliorare la mia tecnica con quello che ho imparato in questa prima esperienza.

Cosa ho imparato da questo progetto fotografico:

Fotografa nelle ore più fresche della giornata.

Mantieni il sensore della fotocamera parallelo alle ali della farfalla.

Usa un obiettivo macro.

Anticipa i movimenti della farfalla.

Usa cavalletto monopiede o un treppiede.

Piccolo consiglio: poiché probabilmente avrai a che fare con una profondità di campo ridotta, l’unico modo per mettere a fuoco l’intera ala della farfalla è se tieni la fotocamera parallela alle ali. Detto questo, non abbiate paura di mescolare le cose, facendo scatti dall’alto, da davanti alla farfalla concentrandosi sul suo viso o da altre angolazioni uniche. Ma se vuoi il pieno effetto di dettagli nitidi e nitidi su tutta l’ala, devi essere “VERAMENTE” parallelo alla farfalla cosa assolutamente non facile da eseguire, fortunatamente con l’avvento del digitale gli scatti non determinano un costo quindi preparati a sbagliare e non farti scoraggiare serve tempo, impegno e moltissimi scatti…………..

La farfalla, è qualcosa di particolare, non è un animale come gli altri, in fondo non è propriamente un animale ma solamente l’ultima, più elevata, festosa e vitalmente importante essenza di un animale. È la forma festosa, nuziale… di quell’animale che… era giacente crisalide e ancor prima affamato bruco. La farfalla non vive per cibarsi e invecchiare, vive solamente per amare e concepire, e per questo è avvolta in un abito mirabile…Tale significato della farfalla è stato avvertito in tutti i tempi e da tutti i popoli…È un emblema sia dell’effimero, sia di ciò che dura in eterno… È un simbolo dell’anima…


(Hermann Hesse)

Video delle immagini realizzate

Galleria immagini

LA STREET ART

La street art come movimento espressivo si palesa per la prima volta negli Stati Uniti d’America, più precisamente a Filadelfia alla fine degli anni ’60.Per lo più si tratta di semplici scritte sui muri prodotte con semplice vernice da muro in cui vengono raffigurati ironicamente e con tratti fumettistici alcuni momenti della vita quotidiana oppure alcuni prodotti locali, come una sorta di pubblicità. Degno di nota potrebbe essere il primo  vero graffito che farebbe spostare le lancette ancora più in dietro sulla nascita di questo movimento sto parlando del famoso Kilroy was here.

“Kilroy è stato qui” era un graffito che molti soldati americani durante la seconda guerra mondiale, lasciavano sui muri delle città che liberavano dall’invasione tedesca negli anni ’44 e ’45 aggiungendo un disegno di un pupazzo calvo che sbircia al di sopra di un muro a testimonianza del loro passaggio. Ma restando invece nel tema principale la street art dopo le prime prove se così le vogliamo chiamare si è praticamente diffusa in tutti gli Stati Uniti come vero e proprio movimento di protesta partendo dalle periferie di New York nei primi anni 60 dove vengono usate per questa forma di espressività le vernici spray.

Partendo quindi dalla nascita di questa forma di espressione che tendeva solo al deturpamento degli arredi urbani per giungere ai giorni nostri dove queste due anime di questa espressività artistica convivono ma devono essere necessariamente ben distinte, difatti non dobbiamo confondere il “graffitismo” con la “street art”. Gli intramontabili graffiti sono una forma di disprezzo e deturpazione dell’arredo urbano un vero e proprio atto di barbarie e vandalismo che ha come unico scopo quello di imbrattare gli arredi urbani, e quindi si tratta di veri atti di delinquenza . Ciò che noi chiamiamo oramai comunemente “street art” o meglio arte di strada, invece,  non è altro che una nuova forma d’espressione veramente artistica libera dai soliti preconcetti che spesso vengono affermati nella critica della classica arte permettetemi il termine da “galleria d’arte” o da “museo”. In pratica è comunque una forma artistica che si manifesta esclusivamente in luoghi pubblici e quasi sempre senza alcuna autorizzazione.

Molti giovani artisti si cimentano in questa forma di espressione artistica perché la vera steet art non deturpa il paesaggio ma lo arricchisce con i loro splendidi murales che comunque raffigurano un disagio o comunque una forma di lotta che può essere una lotta politica contro le discriminazioni o una formale denuncia artistica contro il potere amministrativo. Purtroppo questa forma artistica moderna non gode ancora di pubblica e benevola opinione, ma i tempi stanno cambiando e non è insolito vedere dipinti a cielo aperto anche nei pressi del centro città, anche il mainstream si è finalmente accorto di questa potente forma artistica e non è insolito vedere nelle pubblicità i lavori di questi sconosciuti artisti.

Alcune immagini della Steet Art a Parma

Una-tantum
Mensile
Annuale

Fai una donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

La notte della cometa

Cometa C/2020 F3 Neowise

La cometa C/2020 F3 Neowise, Il video è stato realizzato il 22 luglio

La notte della Cometa:
Questa cometa è una visitatrice solitaria, proviene dai confini più estremi del nostro sistema solare, sta incantando con il suo passaggio anche chi non è del settore in pratica tutto il mondo è col naso all’insù per poter vedere questo straordinario evento.
La cometa C/2020 F3 Neowise compiendo il suo percorso di avvicinamento al Sole raggiungendo la distanza minima di 104 milioni di chilometri dal nostro pianeta.

La cometa C/2020 F3 Neowise

Questo spettacolo della natura non è riservato solo a strumenti avanzati: tutti possono osservare questa vagabonda dello spazio, e possono anche fotografarla con una normale macchina fotografica, in quanto la distanza dal pianeta terra di 104 milioni di chilometri permette una ampia visibilità anche ad occhio nudo.

La cometa C/2020 F3 Neowise ha un diametro di cinque chilometri è composta principalmente di ghiaccio e polveri, in gergo chiamate “Palle di neve sporca”. La sua composizione fa sì che, avvicinandosi al Sole, si formi la caratteristica coda, estesa per migliaia di chilometri. Si presume indicativamente che la sua formazione risalga all’alba del Sistema Solare, circa quattro miliardi e mezzo di anni fa.
la cometa C/2020 F3 Neowise che brilla nel cielo di questi giorni ha un’orbita fortemente ellittica, secondo i calcoli, la farà tornare dalle nostre parti non prima di 6.800 anni quindi corrette a vederla.

La cometa C/2020 F3 Neowise

Come sfruttare il coronavirus per migliorare la “fantasia” fotografica realizzando immagini creative

Nel corso di questi mesi di isolamento ho visto scorrere sui social fiumi di idee ed iniziative, purtroppo la maggior parte poco interessanti oltre che scarsamente originali, in pratica solo foto di gatti, cani, bambini immortalati in tutte le pose possibili (la noia spesso fa brutti scherzi). Una casa è che ci crediate o no è a tutti gli effetti un campo di allenamento per qualsiasi principiante fotografo. Tutti imparano l’arte della fotografia scattando foto di ciò che li circonda, in casa non hai bisogno di cercare modelli, oggetti di scena o luoghi interessanti. Tutto è sempre a portata di mano puoi facilmente modificare la scena in base all’equipaggiamento che hai o al risultato che stai cercando di ottenere. A volte l’ispirazione per esplorare modi nuovi e interessanti per scattare foto richiede un po’ di sforzo ma non bisogna deprimersi.

Fotomontaggio

Molti fotografi di vecchia data anche noti tendono a ritrovarsi incastrati in vecchie abitudini e soggetti triti e ritriti solo per abitudine, mi spiego meglio, ho sentito un’affermazione purtroppo condivisa da molti che sono diventati famosi con la fotografia, l’idea è che ogni fotografo debba essere contrassegnato per uno stile, da un soggetto che lo contraddistingua. A dirlo è Oliviero Toscani durante una registrazione del reality Master of Photography. Non dovete credere a chi la pensa così anche perché rischiate di soffocare gli impulsi creativi, i fotografi migliori che ho conosciuto non si sono mai vantati di avere uno stile o un soggetto preciso infatti non importa quale stile fotografico scegliate e se in tutta la vostra vita non ne troverete uno poco importa, di fatto la fotografia è come la mente umana può spaziare su molti fronti tutti interessanti, la vera magia avviene quando si sente chiudere l’otturatore.

Qua la parola d’ordine soprattutto se siete dei principianti è “sperimentare”.

Il mio pensiero è che la fotografia sia un po’ come andare al ristorante. C’è un intero menu di pietanze e non saprai cosa ti piace se non ne provi alcune. Quindi, ecco un paio di suggerimenti che chiameremo esperimenti per la fotografia creativa. Siediti e preparati a far spaziare la mente mentre ti accompagno in un tour del menu fotografico creativo che mi sono inventato durante la clausura da coronavirus. Andiamo con ordine, in pratica partiamo da dove cominciano un po’ tutti “LA FOTOGRAFIA D’INTERNI” (io la trovo abbastanza noiosa) iniziando con una breve descrizione di punti comuni per qualsiasi ambiente (in pratica “robe da pensare prima di scattare qualsiasi foto”.

Punto numero uno: Identificare i punti migliori per la fotografia. Poiché la casa di ogni persona è diversa, è impossibile dire che i posti migliori saranno gli stessi in tute le abitazioni, ci sono però alcune caratteristiche comuni che si possono ricercare nella vostra casa per aiutare a determinare se un ambiente è adatto per la fotografia. Quindi il tuo primo passo è quello di analizzare l’ambiente circostante, dovrai determinare diversi punti, se vuoi un consiglio inizia scrivendo su un taccuino.

1) Disponibilità di luce naturale alle diverse ore del giorno. 2) Caratteristiche uniche o piccoli scorci che riesci ad individuare. 3) Imparare a visualizzare lo spazio con e senza fotocamera 4) Riorganizzare lo spazio (in caso servisse) a volte, non avete un grande spazio per lavorare con la macchina fotografica in casa, ma questo non deve scoraggiarvi. Il problema più grande solitamente viene dal disordine. Riordinando si creerà di un po’ di spazio di respiro tra gli elementi della vostra scena (e magari farete felice pure vostra moglie!)

Ci sono sicuramente altre cose che possono essere aggiunte a questa lista, quindi sentiti libero di far volare la fantasia e prendi nota di ogni cosa ti sembri importante. In caso l’aspetto della stanza sia molto moderno “come usa oggi” con tanto nero, grigio e bianco o comunque monocolore dovrete aggiungere qualcosa di nuovo con un tocco di colore per renderlo più piccante, anche una sola piccola aggiunta può fare la differenza!

Piccola aggiunta di colore

Non fissatevi su grandi ambienti tutti immacolati molto spesso i “nuovi” fotografi sono ossessionati dal pensare che un intero ambiente debba essere fotogenico, quando invece in realtà con i vostri scatti scoprirete di avere la capacità cambiare completamente l’aspetto di un luogo. Dopo che avrete fatto questo grande lavoro sicuramente conoscerete meglio l’ambiente che vi circonda e sarete pronti a farvi venire idee creative. Non hai davvero bisogno di una fotocamera per iniziare a visualizzare le tue foto, inizia a scattare istantanee solo nella tua mente questa è una tecnica che ci aiuta a pensare a tutte le cose che vogliamo tenere a mente quando lavoriamo ad un servizio fotografico – dalla posa, la disposizione di un luogo, l’illuminazione, e così via. Vi svelo un segreto io non sono assolutamente appassionato di fotografia di interni, ora vedo sui vostri visi calare un velo di perplessità e mi sembra quasi di sentirvi “Ma come dopo tutto sto spiegone, non parli di fotografia di interni?”. La parte divertente è che in casa non ci sono limiti, fatti guidare sempre da questo semplice principio, se si può immaginare, si può farlo accadere. Ora dovrete solo scegliere da dove iniziare.

Ebbene sì non parlerò di fotografia di interni ma di fotografare all’interno questi  erano solo punti comuni per iniziare a ragionare dentro e fuori dagli schemi anche perché mettendo ordine sarete costretti a prendere in mano un sacco di soprammobili oppure comuni oggetti che potranno tornarvi utili in seguito, come detto il menu fotografico creativo che mi sono inventato durante la clausura da coronavirus potrebbe risultare un po’ insolito e degno delle più torbide elucubrazioni mentali.

Voglio iniziare da una idea abbastanza semplice, fotografare l’acqua!!

Definiamo meglio: fotografiamo le goccioline di acqua e perché no anche gli schizzi, prima o poi tutti i fotografi anche quelli meno dotati di creatività ci si cimentano almeno una volta nella vita, non ditemi che non avete mai visto una foto così…

Qua davvero potete veramente spaziare con tutta la vostra fantasia le gocce d’acqua sono veramente molto versatili le potete mettere praticamente ovunque su un vetro su una pianta di interni su una superficie riflettente come un cd è semplice e divertente e si può fare tranquillamente dove volete non ci sono limiti. Però oltre a tanta pazienza servirà, un obiettivo macro, un treppiede, se ne avete uno anche un flash esterni ma non è indispensabile, ora dovete solo dare sfogo alla vostra creatività. Dalle goccioline che cadono alle bolle colorate, vi renderete conto che fotografare l’acqua non è poi così complicato e davvero potete dare libero sfogo alla vostra fantasia.

Ombrello: fotografia scattata sotto la doccia

Non sono solito ma visto che l’argomento acqua mi piace davvero molto e sinceramente ci ho perso nottate intere, vorrei darvi anche qualche consiglio pratico (lo farò solo in questa occasione perché l’unico modo per imparare è sperimentare) per iniziare a scattare, è sempre meglio impostate la fotocamera in modalità manuale mettendo a fuoco il punto in cui le gocce o l’oggetto colpiranno l’acqua per essere più sicuri di una buona messa a fuoco immergete qualcosa di simile a quello che volete far cadere nell’acqua o anche un dito giusto per darvi qualcosa su cui mettere a fuoco, scegliete un tempo veloce (circa 1/160 o meglio 1/200 di secondo) vi consiglio un’apertura di f4/f5 per una profondità di campo sufficiente. Utilizzando invece f/11 vi permetterà di mettere a fuoco solo la goccia e il rimbalzo della stessa, sfocando tutto il resto. Meglio passare ad un’apertura così spinta solo in un secondo momento in quanto mettere a fuoco la goccia non è proprio facilissimo con una profondità di campo così ridotta, va da sé che in ogni caso l’illuminazione debba essere sempre minima se utilizzerete il flash.

Gocce di olio di vasellina in acqua

Ti svelo un segreto nelle foto dei servizi professionistici, non utilizzano acqua ma olio di vasellina perché essendo più denso genera gocce di rimbalzo più definite e talvolta un movimento al di sotto della superficie che assomiglia all’effetto cavitazione mi raccomando non ditelo a nessuno in pochi ammetteranno di utilizzare olio!!! Ultimissimo consiglio sull’argomento acqua se dovete mettere gocce d’acqua su qualsiasi oggetto utilizzate uno spruzzino oppure in caso vogliate una sola goccia meglio utilizzare un conta gocce. Ogni liquido va bene per sperimentare. Ora non ti resta che provare e dare sfogo a tutta la vostra creatività sotto propongo alcuni scatti così tanto per accendere la scintilla della fantasia.

Ora invece veniamo alle mie elucubrazioni mentali da quarantena così solo per darvi un piccolo spunto creativo. In casa puoi anche ideare un progetto fotografico per raccontare una storia, io adoro utilizzare gli omini dei lego che si prestano benissimo a qualsiasi scena ma sicuramente puoi pescare dai giocattoli di tuo figlio o tuo nipote qua davvero l’unico limite è il cielo.

Piccoli consigli:

1) Scegli il soggetto e studia la storia 2) È bene pensare prima e scrivere sul solito taccuino poi, (talvolta rileggendo i miei pensieri scritti così a caso mi sono solo bloccato) 3) Pensa a cosa vuoi raccontare, questo sembra il passo più facile, ma in realtà credimi non lo è, provare per credere.

Si può raccontare tutto con la fotografia, basta metterci passione, fatti mille domande e datti delle risposte (come fossi ad una intervista da Gigi Marzullo) esempio, cosa speri di ottenere con questo progetto? Cosa ti aspetti? Vuoi pubblicarlo sui social? Vuoi stamparlo o realizzare un libro o una mostra? Vuoi solo divertirti poi non si sa mai? I miei migliori scatti sono usciti proprio da quest’ultima opzione.

Ultimo consiglio importante da non dimenticare mai: creare immagini deve essere un divertimento, ti prego non incastrarti solo in foto di nature morte, si sono belle ma anche queste non danno molto spazio alla fantasia infatti la fotografia Still Life è probabilmente una delle più comuni, soprattutto dopo l’avvento dei negozi on line.. ma ci sono scatti e scatti tutto sta nel fotografo, la fantasia è una delle componenti più importanti della fotografia, ora penserai che l’estro non ti manca, non vorrei essere io a deluderti dicendo che invece è proprio quello che scarseggia.

STILL LIFE…..IDEE DI FOTOGRAFIA A CASA

Non voglio dilungarmi troppo, per non bruciarmi gli argomenti dei prossimi articoli quindi la chiudo qua e ti lascio con la visione di un brevissimo video spero di averti incuriosito!

Quando sei bloccato in casa e la tua mente vola altrove