Il pensiero unico del nuovo regime

Ammettiamolo: Fedez ha capito tutto

Per quanto mi stia sulle palle e rappresenti tutto ciò che considero tossico al giorno d’oggi, non posso esimermi dal fargli i complimenti. Il modo con cui sta sfruttando i suoi seguaci, cavalcando magistralmente l’ipocrita e sciocca indignazione del momento, è fantastico.

Pensateci. Fedez rappresenta in tutto e per tutto quello che chiamiamo “pensiero unico”.

Fedez è una delle miriadi di propaggini, tutte uguali, dell’assolutismo progressista. Ogni sua presa di posizione, ogni suo intervento, ogni sua diretta, ogni cosa partorita da lui e dalla sua compagna è perfettamente in linea con l’ordine del giorno.

Non sentirete mai, mai e poi mai fuoriuscire dalla bocca di Fedez un concetto che non combaci perfettamente con i dogmi attuali. Che si parli di immigrazione, mondo LGBT o Europa, non cambia nulla. Dietro il tripudio di tatuaggi vi è la più allineata mentalità e il più disarmante convezionalismo che si possano immaginare. Un conformismo totale, nascosto da una patina di glitter, perfetto per essere venduto ad una platea di giovani che vogliono sentirsi “fuori dagli schemi” ma senza esserlo davvero. Diversi sì, ma come tutti gli altri.

Ed è qui che sta la bravura di Fedez e di quelli come lui. Nell’aver trovato in questo mondo artificale una vena d’oro, da prendere freneticamente a picconate per estrarne ricchezza a non finire. Soldi, visibilità, sponsor. Il tutto riuscendo persino ad apparire, al suo folto pubblico, come un eroe.

Così ecco il nostro martire della libertà di pensiero che si batte contro la cattiva Rai oscurantista per poter parlare del DDL ZAN, attaccando una precisa forza politica, dal palco del Concerto del 1 Maggio. Ecco il nostro guerriero che piange, grida e si infervora. E intanto, tra un’espressione sconvolta e un’altra, ci ficca lo spot per la nuova linea di smalti. Grandioso.

La verità? È l’esatto opposto di ciò che sta andando in onda.

Il Concertone vede da anni monologhi di centrosinistra e attacchi diretti alla controparte. La Rai è un feudo del PD, come dimostrano i suoi TG e le sue trasmissioni palesemente schierate, fino all’inguardabile Sanremo. Solamente, trovandosi oggi la Lega assieme al PD dentro l’orrendo Governo Draghi, è stato chiesto a Fedez di abbozzare. E tanto è stata forte e sentita questa pressione che Fedez se n’è fregato bellamente. Com’era da programma.

Una buffonata, tutto qua. Il PD che chiede le “scuse” dei propri servi in Rai? Ridicolo. Così come è ridicolo sentir parlare di “attacco alla libertà di espressione” chi appoggia Fedez, quando si tratta degli stessi omuncoli complessati che oggi stanno crocifiggendo Pio e Amedeo per aver usato le “parole proibite”. Siamo dinnanzi ad un finto litigio in famiglia montato ad arte.

Nel frattempo, migliaia di utenti, pagine, profili e canali vengono realmente censurati e ostracizzati su tutti i media. Perché? Perché non la pensano come Google, come Netflix, come Amazon, come Davos, come la Silicon Valley, come Hollywood, come la stragrande maggioranza delle multinazionali, delle tv, dei giornali e delle radio.

Insomma, ecco perché non la pensano come Fedez.

Matteo Brandi

articolo di, Matteo Brandi

https://www.youtube.com/c/matteobrandi

https://www.facebook.com/MatteoBrandiFB/

ODIO IN RETE: I FAMIGERATI LEONI DA TASTIERA

Mi sono imbattuto in un articolo che parlava, in modo devo dire molto generico, sui tanto oramai decantati HATE SPEECH, meglio italianizzare per i non “globalizzati” i tanto famigerati LEONI DA TASTIERA. Chi di noi non si è mai trovato a commentare anche in modo civile un post o pubblicare un “cinguettio” per poi ritrovarsi coperto da gratuiti insulti? Attacchi personali che talvolta esulano anche dalla natura specifica di ciò che avete scritto o postato. Bene, penso che nessuno di noi oggi giorno possa non sentirsi vittima di questi bulli da tastiera, io dopo l’ultima litigata virtuale ci penso almeno tre volte prima di pubblicare e mi sono anche messo in discussione valutando se ne valesse veramente la pena continuare a pubblicare contenuti sui miei profili social per poi essere non solo criticato ma offeso, minacciato, fino a sentirmi veramente perseguitato, e non penso di esagerare perché spesso questi litigi sotto i post si spostano di social in social, cioè il leone da tastiera di turno in pratica dopo aver intasato il tuo post con offese spesso fa anche una ricerca e preso dalla frustrazione perché magari tu gli hai risposto per le rime, va su ogni tuo profilo e sotto ogni post inizia una vera e propria delazione infischiandosene delle leggi appena approvate che dovrebbero limitare l’odio in rete.

“Molti si chiudono nel social, perché incapaci di vivere e reagire nella vita reale, si sono dimenticati l’importanza di vivere la vita con gli occhi, ed ascoltare con il cuore!”

Una vera e propria spinta verso l’interazione globalizzata con veri e propri ignoranti, maleducati e frustrati l’ha data proprio questa pandemia che ha fatto emergere digitalmente il peggio della disumanità, eppure sarebbe semplice evitare di litigare, basterebbe ignorare un post che non ci piace, e se la sola vista ci fa salire il sangue al cervello basta bloccare la persona che ha pubblicato quello specifico post, perché la cosa interessante è che nessuno ci obbliga! Sui social ci andiamo liberamente e sempre liberamente decidiamo a quale discussione partecipare, sempre noi decidiamo a cosa mettere like e cosa condividere e se non ci piace una pagina o un profilo basta scorrere o bloccare e tutto sparisce in pochi secondi, statistiche alla mano dicono che un buon 94% degli utenti delle pagine social si dimentica di queste due semplici operazioni, è  un po’ come se leggendo un post che non ci aggrada scattasse un meccanismo di difesa e veniamo presi dall’incontenibile voglia di censurare e regolare cosa gli altri possono dire e non dire a seconda di quale sia il nostro pensiero in merito ad uno specifico argomento, senza pensare che così facendo invadiamo spazi che dovrebbero essere deputati ad un confronto civile con vagonate di odio che non fanno solo emergere le frustrazioni del leone da tastiera di turno, in pratica il litigio sul web alla fin dei conti è solo un sintomo che qualcosa dentro di noi non va trasportato nel digitale che viene usato come valvola di sfogo trasformando i social network in veri e propri campi di battaglia e per i più “intelligenti” invece in grandissime palestre di self control, dicendo questo non voglio banalizzare un fenomeno che andrebbe studiato sul singolo individuo per via della complessità della natura umana, sintetizzando vorrei porre l’accento su due parole che tutti dovrebbero conoscere: Dissentire e Litigare, mentre la prima significa mostrare un punto di vista diverso argomentando una propria opinione giusta o sbagliata che sia, Litigare è l’equivalente di arrendersi durante una battaglia rifugiandosi dietro le linee nemiche annullando quei pochi neuroni rimasti sparando veri e propri attacchi tesi solo ad annientare l’interlocutore.

Ho stilato una classifica su dove vengono attirati i “frustrati da tastiera”

Eliminando oppure evitando questi post dai nostri contenuti social si evita il 99% di possibilità di incorrere in furibonde virtuali litigate.

Purtroppo la nostra attuale società che è basata sulla televisione ci ha inculcato questo modello di vita fatto da continui pubblici litigi in tutti i talk show dove nessuno è escluso:  politici, influencer o anche solo semplici opinionisti mostrano il peggio di questa disumanità globalizzata per non parlare poi della nuova evoluzione umana, anello di congiunzione diretta con la linea di sangue dei neanderthal, i famigerati “buonisti” sempre schierati sul politicamente corretto, basta una semplice nota di dissenso per vederli trasformare sia intellettualmente che fisicamente in veri e propri animali da battaglia senza regole morali (loro che si vantano di correttezza intellettuale sempre pronti a stigmatizzare ogni parola fuori posto, in pratica una vera e propria contraddizione culturale), tutto ciò accade perché sia in televisione che nei social network le polemiche distruttive accendono passioni da stadio infatti tutto ciò che c’è di peggio sul mainstream, viene riproposto sui social creando meme o brevi clip che spostano il litigio dalla persone così dette “pubbliche” alle persone normali che ripropongono e accendono la battaglia annullando anche quel minimo di civiltà mostrando in tutto e per tutto la nostra globale ignoranza rendendo talvolta virali contenuti spazzatura e tutto ciò accade perché oramai la nostra società è basata solo su visualizzazioni e like in pratica il peggio di questa umanità aiuta ad acquisire nuovi followers con veri e propri contenuti spazzatura ma si sa oramai è acclarato mantenere un comportamento corretto annoia e basta.

LE REGOLE DELLA BUONA CONVIVENZA SUI SOCIAL:

Una-tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo metti like e sostienici con una micro donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

L’asteroide 2001 FO32 domani passerà molto vicino alla Terra

Il 21 marzo, l’asteroide di classe “APOLLO” con il nome di near-Earth 2001 FO32 passerà molto vicino alla Terra, viaggerà alla velocità di 34.413 chilometri al secondo intersecando l’orbita terreste, il suo passaggio raggiungerà una distanza minima di due milioni di chilometri.

Gli asteroidi appartenenti alla classe “Apollo” sono un gruppo di asteroidi detti anche near-Earth caratterizzati da un’orbita eccentrica, il primo oggetto di questo tipo ad essere scoperto fu individuato il 24 aprile 1932 da Karl Reinmuth.  La classe di asteroidi “Apollo” comprende oggetti potenzialmente pericolosi per la Terra a causa della possibilità di un impatto catastrofico ed è per nostra sfortuna il gruppo più numeroso di oggetti vicini alla Terra, fino ad oggi sono ben 10.000 gli asteroidi registrati e tenuti sotto controllo dagli enti spaziali di tutto il nostro pianeta, che, anche se non rappresentano un immediato pericolo, potrebbero esserlo  in futuro in quanto le loro orbite anche se note possono essere influenzate dall’attrazione gravitazionale dei pianeti o asteroidi che trovano sul loro cammino e non è detto che diventino un pericolo nei secoli futuri, si avete capito bene ho scritto secoli in quanto stiamo scrivendo in scala astronomica .

Gli oggetti potenzialmente pericolosi di cui fa parte l’asteroide 2001 FO32 vengono chiamati con acronimo PHO (Potentially Hazardous Objects) e sono classificati sulla base di parametri che tengono conto del potenziale avvicinamento alla Terra.  Si tratta, per la maggior parte di questi, di  oggetti che possiedono una distanza di intersezione minima all’orbita terrestre inferiore o uguale 0,05 UA (7480000 km) e una magnitudine assoluta inferiore o uguale a 22,0 (un indicatore grezzo della dimensione).

Questo specifico asteroide è stato scoperto il 23 marzo 2001 dal telescopio della Nasa posto sull’isola di Socorro Messico dove è tuttora in essere il progetto “Linear” operativo dal 1996  (Il progetto LINEAR (acronimo di Lincoln Near-Earth Asteroid Research), è un programma di ricerca del Lincoln Laboratory del MIT, in collaborazione con l’USAF e la NASA, per l’individuazione sistematica dei NEO (near-Earth object) tramite un telescopio robotico).

Near-Earth 2001 FO32 è un asteroide di circa 1,1 km di diametro, paragonabile in lunghezza al Golden Gate Bridge e tre volte più grande della Torre Eiffel.

Sebbene 2001 FO32 sia piuttosto piccolo rispetto a grandi asteroidi come Vesta (che ha un diametro di 525 chilometri), è tuttavia più grande del 97% di tutti gli asteroidi a noi noti. È anche uno degli asteroidi più veloci che siano mai volati vicino al nostro pianeta: viaggia a una velocità di circa 34,4 chilometri al secondo, rispetto alla Terra. È 100 volte più veloce della velocità del suono!

Il suo periodo orbitale attuale è pari a trentuno anni terrestri, il passaggio di quest’anno sarà il più vicino per i prossimi 200 anni: arriverà vicino alla Terra a una distanza di 0,013 UA, o 5 distanze lunari (una distanza lunare è di circa 400.000 chilometri) il prossimo approccio ravvicinato con la terra avverrà nel 2052, essendo la sua orbita eccentrica tenderà ad allontanarsi nello spazio profondo e i prossimi passaggi noti saranno nel 2103, 2134 e 2185.

Near-Earth 2001 FO32 non rappresenterà alcuna minaccia per noi. La sua traiettoria è ben calcolata e gli astronomi sanno esattamente a quale distanza dalla Terra passerà comunque è sempre bene tenere le dita incrociate.

Ora rispondendo alle seguenti domande:

  1. Quanto arriverà vicino alla Terra 2001 FO32?
  2. Come vedere l’asteroide 2001 FO32?

Segnaliamo che:

Il 21 marzo, alle 16:03 GMT, l’asteroide 2001 FO32 si troverà nel suo punto più vicino alla Terra e raggiungerà una “magnitudine” (luminosità) calcolata in 11,7. Sfortunatamente, sarà troppo debole per essere osservato ad occhio nudo, ma si potrà facilmente individuarlo attraverso un telescopio con un’apertura minima di 8″ (20 centimetri) o più grande. Poiché l’asteroide si sta muovendo a una velocità eccezionale, si potrebbe persino essere in grado di rilevare il suo movimento nel cielo in tempo reale.

E dunque se sei un orgoglioso proprietario di un telescopio, anche se giace pieno di polvere nel ripostiglio o sei un neofita inesperto, dovresti comunque cogliere l’occasione per osservare l’asteroide più grande e più veloce conosciuto del 2021.

STIAMO PER TORNARE SULLA LUNA?

Ebbene si stiamo per tornare sulla luna

Filmato in alta risoluzione

Ebbene sì stiamo per tornare sul nostro satellite ma questa volta per fortuna o disgrazia ci saremo anche noi italiani, e non sarà un viaggio di andata e ritorno in tempi brevi ma atterreremo sulla luna con l’intento di rimanerci, infatti questa  visione a lungo termine viene dal fatto che serve una base per portare l’uomo ancora più lontano e cioè arrivare su Marte. Dopo una ricerca tra le dichiarazioni ufficiali sembra che non questo progetto non sia solo sulla carta ma si tratta di un vero e proprio progetto già iniziato (googlate programma ARTEMIS).

Programma Artemis Luna/Marte

Questo programma mira a costruire una base permanente sul suolo lunare entro il prossimo ventennio, gode di un’ampia cooperazione internazionale logicamente a trazione principale USA che con il suo ente spaziale NASA guiderà il programma in collaborazione con le agenzie spaziali di Canada, Giappone e l’Europea ESA (European Space Agency) nello specifico all’interno della composizione dell’agenzia ESA l’Italia avrà un ruolo di primo piano che andrà al di fuori della semplice e già esistente filiera dello spazio. L’Agenzia Spaziale Italiana infatti sta già collaborando con molte industrie Italiane che hanno il compito di realizzare molteplici componenti non che i veri e propri moduli abitativi. Il primo punto del programma è costruire una stazione orbitale che orbiti attorno al nostro satellite e utilizzare la stessa come base d’appoggio, una sorta di magazzino spaziale per poi in un secondo momento costruire veri e propri moduli abitativi autosufficienti sul suolo lunare.

Il “lunar gateway”, così sarà chiamato la copia in formato ridotto della attuale stazione spaziale orbitale (ISS), avrà il compito di ospitare gli astronauti prima della discesa sulla luna, i primi lanci per la costruzione di questa stazione orbitale lunare sono in programma per il 2024. Si tratta di una sfida epocale e per l’Italia non sarà sicuramente un compito facile, d’altronde tutto questo programma impone uno sforzo ingegneristico fuori dal comune, percorrere i 400.000 chilometri che ci separano dal nostro satellite garantendo la sicurezza dell’equipaggio non solo nella traversata ma anche nella permanenza orbitale all’interno di una capsula sicuramente non sarà cosa da poco ancora oggi visto le difficoltà riscontrate, molti si chiedono se sia vera la storia che l’uomo abbia già calpestato il suolo lunare, il seme di questo avveniristico programma è stato piantato ora dovremo solo aspettare per vedere i risultati che arriveranno nei prossimi anni.

UNA STORIA TUTTA ITALIANA

HOUSE OF CHIGI

Palazzo Chigi Roma

Questa pandemia ha portato con sé molteplici problemi per il nostro organismo, una dei più gravi è che ci ha reso più fragili intellettualmente, l’incessante martellare del mainstream con i dati sul contagio a tutte le ore, i virologi onnipresenti nei talk show italiani tanto da far pensare che nessuno di questi in effetti faccia davvero alcunché per debellare il covid dal nostro territorio, essendo sempre impegnati in discussioni nelle trasmissioni televisive. Plausibile inoltre che chi non si è allineato con il pensiero unico è stato escluso da qualsiasi discussione e fatto sparire dall’etere un po’ come per citare George Orwell credo sia stata creata una sorta di “pensiero crimine governato dal ministero della verità” infatti nell’ultimo anno abbiamo assistito a tutta una serie di contraddizioni che neanche nei più reconditi meandri della mente malata di un sociopatico potevano avvenire, le continue notizie incoerenti ci hanno definitivamente offuscato la mente tutto e il contrario di tutto ecco cosa è avvenuto nell’anno 2020 ricorderò questo periodo come una grande mondiale follia generalizzata per un virus che se preso in tempo si può benissimo contrastare, prima che passi ad una forma acuta con una semplice aspirina e questo oramai è agli atti su tutti gli studi clinici, la cosa più sconvolgente è che sono morte migliaia di persone per protocolli sanitari errati e nessuno ne parla, tutto il mainstream ora è troppo occupato a parlare delle decine di vaccini che nel giro di un solo anno sono stati creati praticamente dal nulla e di come con questi riprenderemo la nostra solita vita, non per fare il saccente ma anche qua trovo delle analogie con il libro 1984 infatti, non troppo vagamente, tali trasmissioni mi ricordano molto la descrizione che Orwell fa del ministero dell’abbondanza e dei comunicati stampa sempre rivisti per far quadrare le precedenti dichiarazioni.

La politica poi in questo periodo ha veramente dato il peggio di sé sprecando ingenti risorse che potevano essere destinate alla disastrata sanità Italiana in bonus veramente incomprensibili, uno su tutti il bonus monopattino, ma gli errori gravi di un governo totalmente incompetente non sono stati solo quelli di sprecare soldi a manca e a destra, hanno di fatto limitato le libertà personali in modo indiscriminato senza provvedere in alcun modo a pianificare un rapido intervento sul trasporto urbano. Ne abbiamo visto davvero delle belle ristoranti, bar, negozi, centri commerciali chiusi e autobus e metropolitane colme all’inverosimile; per non parlare poi del coprifuoco alle ventidue in pratica è come se una banda di scappati di casa entrasse nella sala dei bottoni e così a caso scrivesse nei DPCM tutto ciò che gli passa per la testa.

Il 2021 è iniziato nel peggiore dei modi possibili questi scalcinati mentecatti che stanno a Roma hanno dato vita alla più confusionista crisi di governo mai vista in tutta l’era repubblicana, replicando non solo i clamorosi errori della seconda repubblica ma anche e anche qua mi tocca citare Orwell cercando di modificare e mistificare la realtà dei fatti. In pratica il governo, ora fortunatamente dimissionario, ha messo in campo tanti piccoli e poco acculturati Winston, qui cito direttamente da 1984 perché è ciò a cui si è assistito e cioè“se tutti raccontavano la stessa menzogna, allora la suddetta menzogna passava alla storia diventando realtà”. Per ultimo abbiamo assistito ad una compravendita di senatori e “onorevoli” mai vista nella storia repubblicana nonché la già vista questua di voti.

Ora proprio mentre scrivo il “saggio” Mattarella presidente della repubblica Italiana ha dato l’incarico a Mario Draghi di formare un nuovo esecutivo. Questa pessima telenovela chiamata House of Chigi composta da veline, indiscrezioni e componenti del governo che erano più presenti su Facebook che veramente a governare, spero sia giunta al termine.

Una cosa è certa, mai più nulla sarà come prima!

Una-tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo metti like e sostienici con una micro donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Recovery Found Italia

Pensieri “POLITICAMENTE SCORRETTI” in libertà

Le unioni monetarie sono come i coglioni, si rompono facilmente, in politica NESSUNO può permettersi di perdere e quindi ora tutti diranno di aver vinto soprattutto PD e M5💩
Ma la verità è solo una, si sono accapigliati per quattro giorni sul #RecoveryFund come se fossero stati commercianti di tappeti indiani in disaccordo su prezzi e sconti, e non come “rappresentanti” dei popoli europei.

È stato uno spettacolo indegno!
Ora il risultato “per il momento” è che la gallina dalle uova d’oro arriverà quando arriva e forse voi già sarete morti.
Chiunque dica che Conte ha fatto un buon lavoro è un povero decerebrato.
SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!
L’unica che vince veramente è lei la “CULONA” ma su questo non vi era dubbio alcuno🤮🤮🤮

Sta arrivando una grande depressione economica?

Una nuova grande depressione economica è in arrivo, i primi sintomi ci sono tutti, siamo ancora in tempo per fermarla? Tutti gli economisti e i ministri delle finanze dicono di stare tranquilli.

29 OTTOBRE 1929 LA GRANDE DEPRESSIONE

A mio modesto avviso una nuova grande depressione potrebbe presto coinvolgere l’intera economia mondiale. Non mi sento però di escludere la possibilità di una inversione di tendenza per il prossimo semestre 2020, ciò non toglie che il momento storico che stiamo vivendo è a dir poco drammatico, visto come si stanno muovendo tutti gli stati europei e non solo, verso la fine del decennio ci sarà una nuova grande depressione con forma a L questa particolare dicitura tecnica si riferisce ad un crollo senza rimbalzo (crollo dei mercati e di tutte le economie senza una vicina ripresa) capisco che questi termini possono essere ostici per chi è digiuno di economia.

PRECISAZIONE

“Non voglio affrontare l’argomento prendendo come esempio attuale l’andamento economico Italiano in quanto ritengo l’attuale governo essere composto da persone poco preparate in materia economica e politica (in verità sono trent’anni che non ci sono figure preparate in materia al governo), avendo dimostrato con le ultime dispute con l’unione Europa una scarsa se non inesistente coscienza economica, ma soprattutto i dati di economia pubblica italiana dopo due mesi di lock down sono già da crollo senza rimbalzo e questo prima di aprire nuove linee di debito nazionale, come gli attuali governanti si apprestano a fare.

Penso che questa perla rimarrà tatuata a fuoco sulla fronte della cancelliera Merkel
Conte parla di sé in terza persona, io diffido sempre di chi parla di se in terza persona!!
Conte è un uomo che ha una certa etàesperienza e competenza professionale. È difficile anche solo pensare che possa essere un ‘uomo di qualcuno’.”
Cit,GIUSEPPE CONTE

Prendiamo come esempio attuale il Regno Unito che non ha l’Euro come valuta

Cito le recenti stime pubblicate dalla Bank of England, “il PIL inglese subirà una profonda contrazione nel 2020, pari al -14%.” A pesare sull’anno sarà in particolar modo il secondo trimestre, dove le stime vedono una flessione del dato pari a -29%. Il Prodotto Interno Lordo UK dovrebbe poi rimbalzare nella seconda metà del 2020, ma anche a dispetto di ciò la previsione sul dato finale resta allarmante. Per quanto riguarda la disoccupazione, quest’anno nel Regno Unito potrebbe raggiungere il 9%.

Citando le previsioni rilasciate da Statista, “secondo trimestre 2020 vede un crollo del PIL inglese del 35,1% seguita da un rimbalzo del 27% nel 3° trimestre e del 21,3% nel 4°. PIL UK: previsto il peggior crollo da oltre 300 anni”. Di questi esempi ne posso fare a centinaia spulciando i dati economici degli stati maggiormente colpiti dalla pandemia, ciò comporterà una contrazione effettiva sui bilanci statali e per cui una difficile tenuta nel breve termine dello stato sociale, serve subito liquidità immessa nel mercato reale non nei mercati finanziari per scongiurare rivolte e tracollo economico, lasciatemi togliere un piccolo sassolino dalla scarpa, quando tutti i paesi europei aiutano la finanze reali delle persone in difficoltà (aziende,negozi,imprese, famiglie in difficoltà ecc ecc) con fondi stanziati in subito dopo la richiesta, in italia pensano di risolvere con bonus a pioggia vedi bonus monopattino, bonus vacanze che saranno le strutture ricettive già martoriate a dover anticipare, con questi personaggi al governo non si va da nessuna parte!

Quali sono i rischi da non sottovalutare?

Debito crescente:

A causa della pandemia da corona virus sia le famiglie che le imprese ridurranno sempre più le spese e tenderanno a risparmiare, cosa che porterà al tracollo del mercato reale, aumenteranno gli investimenti di capitale del risparmio generale delle famiglie in obbligazioni pubbliche a fronte di un debito statale in continuo aumento. Ricordiamoci che gli stati generano utili da spendere nella gestione generale per il 80% dalle entrate derivanti dalla produzione effettiva quindi PIL. Temo che ci siano dei grandi trend mortali per l’economia reale, che ci condurranno a una letale recessione. Non penso sia questione del solo porci il problema se arriverà, ma di quando arriverà. A causa del COVID-19 gli stati maggiormente colpiti sono stati costretti a introdurre imponenti programmi di sostegno economico che hanno inevitabilmente ingigantito i debiti nazionali. il debito Italiano per citarne uno attualmente sfiora il 150% del PIL, questo senza avere speso o attinto a nuovi debiti europei (questo è anche il risultato di un ventennio di sprechi e corruzione politica, di fatto chi ha concordato l’ingresso del nostro paese nell’unione europea tale ROMANO PRODI ma non è l’unico responsabile, l’ho ha fatto a scapito del benessere pubblico del suo paese)

Sviluppo demografico

Altro fattore di rischio e mia personale preoccupazione è lo sviluppo demografico. Il COVID-19 ha fatto emergere la necessità per ogni stato “con politici senzienti al comando” che è di fatto necessario spendere di più per il settore sanitario, anche il fattore dell’allungamento dell’età media è fattore di maggiori spese statali, per cui maggiori investimenti in tal senso contribuiranno a far salire il debito.

Deflazione / Devalutazione

Anche il rischio del crollo dei prezzi, e la conseguente deflazione, potrebbero risultare particolarmente gravosi per l’economia mondiale. Nel nostro presente stiamo assistendo alla svalutazione mondiale del prezzo del petrolio che ha toccato i dieci dollari al barile alcuni analisti del settore prevedono un prezzo addirittura in negativo, cosa che mi sento di escludere, ritengo questo evento sul petrolio, che ho portato alla vostra attenzione solo mera speculazione, attacco mirato a scopo speculativo, di fatto i mercati economici globali da questa pandemia escono gonfi di nuovi quattrini guadagnati sulla pelle dei morti da coronavirus. Ritengo probabile anche una devalutazione delle valute nonostante l’intervento delle grandi banche centrali, il deprezzamento valutario è sempre una spada di Damocle che incombe sulle nostre teste.

Globalizzazione e Frammentazione

Grazie al COVID-19 il mondo intero si è reso conto dei rischi derivanti da economie fortemente interconnesse tra stati. Questo non è un rischio a tutti gli effetti, sempre che i vari governi nell’intento di spingere più sulle forniture domestiche non traducano questo con una crescente pressione a ribasso sui salari. L’emergenza da COVID-19 accelererà la tendenza alla frammentazione del mondo già esistente (pensiamo soltanto alle relazioni USA-CINA l’escalation della tensione fra gli Stati Uniti e la Cina continuerà a pesare su un contesto globale già complicato,le tensioni politiche potrebbero portare a una nuova guerra fredda tra USA e i suoi “nemici” (Cina, Russia, Iran e Corea del Nord). Molti governi potrebbero iniziare ad introdurre misure protezionistiche per proteggere le proprie aziende di fatto rendendo nulla la giusta concorrenza.

Cambiamento climatico

Anche il clima purtroppo giocherà un ruolo di rilievo nel prossimo futuro. Problemi come le epidemie cresceranno e si intensificheranno, se non si metterà un freno all’inquinamento dei paesi così detti “emergenti”, prevedo però che non si farà nulla in quanto di fatto noi in quanto paesi “sviluppati” siamo legati a doppio filo con l’inquinamento che producono i paesi così detti emergenti, in quanto molta della nostra spazzatura la inviamo proprio presso queste nazioni perché i costi di smaltimento sono di gran lunga inferiori, ignorando il fatto che si limitano a bruciarli a cielo aperto o peggio riversarli come gli sono arrivati direttamente in mare solo il 10% dei rifiuti che gli vengono inviati sono correttamente smaltiti. I cambiamenti derivanti dal clima e dalla salute pubblica, inevitabilmente accresceranno i costi e impatteranno su tutte le economie.

Ci sono essere soluzioni per combattere questo drammatico futuro?

Si, anche se siamo in drammatico ritardo sui tempi, possiamo comunque intervenire sia sul breve termine che sul lungo termine, basta usare la nostra intelligenza e magari chiedere aiuto alle menti più brillanti di questo secolo per reinventare un’intera economia che non sia più basata su debiti contratti con non ben specificate banche d’affari o fondi d’investimento che con il loro strapotere economico riescono ad indurre crisi finanziarie globali solo spingendo un tasto sul loro computer, scritto così sembra semplice, basta eliminare questo sistema e il gioco è fatto, in verità non è così semplice, la mente malata di questa umanità è riuscita a creare la più potente arma di distruzione di massa, non parlo certo della bomba atomica che di fatto è sicuramente più clemente, parlo di questo mostro che noi esseri qualunque chiamiamo mercato economico, provate a fare mente locale, sforzando la memoria sicuramente avrete sentito dire più volte da qualsiasi componente governativo che si appresta a varare una nuova misura economica “siamo certi che i mercati economici reagiranno bene a quanto faremo” oppure subito dopo aver intrapreso un determinato provvedimento ” i mercati economici hanno reagito bene alla manovra finanziaria, questo indica che la nostra misura cautelativa intrapresa è corretta”. Vi siete mai chiesti il perché ma soprattutto casa significano davvero queste affermazioni che purtroppo sono all’ordine del giorno da vent’anni a questa parte?. La risposta più banale, semplificando in modo estremo la risposta è che le nazioni più indebitate devono forzatamente compiacere chi ha prestato loro i danari perché in un modo o in un altro si farà ciò che il mercato vuole, vedete nelle mani di queste società creditizie è stata data la più temibile delle armi “lo SPRED” questo indicatore, tecnicamente chiamato differenziale di rendimento viene alzato e abbassato a piacimento da questi signori per mettere sotto pressione il paese che non si sta attenendo alle direttive dei mercati in concreto sono loro il vero governo del mondo intero, ad eccezione di sole tre nazioni USA, RUSSIA, CINA. La domanda che sorge spontanea quindi è la seguente: ma se i governi a parte quelli elencati devono compiacere e sottostare ai mercati parlando da cittadini Italiani abbiamo veramente bisogno dei politici al governo? Finché ci sarà questo sistema lo dico a voce bassa e fate rimanere questa informazione tra di noi, potremmo anche evitarci di mantenere costose marionette, basterebbe un governatore che mantenga l’ordine pubblico, hopss… mi dispiace, forse vi ho spoilerato troppo in fretta che questa in cui viviamo non è altro che una finzione modello Matrix dove la democrazia in realtà non esiste, prendetene atto e cercate di andare avanti.

Parlando da semplice cittadino Italiano, ho costatato che affrontare un problema globale ora è quantomeno impensabile quindi andrò a limitare la visione di una soluzione per fronteggiare la crisi economica nel solo territorio EURO, sono solo due le strade che ci rimangono da percorrere come paese italia, la prima è cercare di imporre all’unione Europea una completa ristrutturazione che deve necessariamente partire dalle fondamenta, smantellare tutto significa rifondare l’Europa creando gli Stati Uniti d’Europa, prendendo gli USA come modello sul quale fondare uno stato realmente unito e solidale (possibilmente evitando le storture esistenti nel modello USA) ciò permetterebbe di azzerare una quantità infinita di debiti che ora sono in pancia agli stati membri dell’unione, come del resto è stato accordato alla Germania al momento dell’ammissione in zona Euro. Permetterebbe alla nostra attuale valuta di diventare realmente una moneta riconosciuta e non solo un mero patto tra privati, perché è questa la realtà della valuta che gergalmente chiamiamo Euro. Questo ci metterebbe al riparo da forti speculazioni del mercato economico regolarizzando la BCE a banca centrale di stato.

Pensiero fortemente utopico, unica è la nazione, uniche sono le leggi, uniche sono le tasse, unico è il mercato del lavoro e cosi via…., per affrontare questo serve una buona dose di coraggio mettendo da parte tutti i sentimenti nazionalisti più profondi e radicati. Ritengo che non sia mera utopia dopo il coronavirus pensare agli Stati Uniti d’Europa, di certo però servirebbero le grandi menti pensanti oramai perse, mi riferisco a Hegel e Kant, senza trascurare di citare gli italiani Rosmini e Gioberti, ora purtroppo menti simili in Europa non c’è nemmeno l’ombra.

La seconda via è anch’essa complicata e non senza rischio, propongo di uscire da questa unione che ha dimostrato di non poter esistere così come è stata concepita, forse in pochi si saranno accorti che la Germania dove non è riuscita con ben due guerre, che nei libri di storia definiamo come “mondiali” è infine riuscita a prendere il l’intero potere sull’euro zona e qua dobbiamo ringraziare i padri fondatori di questa Europa che forse “ingenuamente” o dietro compenso (vedesi i castelli acquistati da Romano Prodi) hanno fatto si che l’EURO (la nostra moneta corrente) significa in tutto e per tutto Germania. Vogliamo fare la fine della Grecia??? svenduta pezzo dopo pezzo alla Germania??? Sicuramente uscire comporta rischi, ma non è poi del tutto un salto nel buio, riacquisteremmo la sovranità monetaria e con essa la nostra identità sui mercati internazionali, ricordo a tutti i lettori che prima di entrare a far parte dell’euro, pensionando definitivamente la lira, l’italia era una vera e propria potenza economica di gran lunga superiore alla Germania, questa affermazione è inconfutabile e storicamente corretta, ci vorrà tempo ma sicuramente è meglio uscire che rimanere ingabbiati in questa unione fallimentare di stati, nemmeno in grado di decidere misure univoche di salute pubblica!! Primo passo andare ad elezioni, archiviando questo governo di incapaci, ricercando politici seri che abbiano come primo punto sull’agenda il benessere dei propri cittadini non dei loro portafogli, abbiamo provato anche gli improvvisati politici dei cinque stelle, è andata male facciamocene una ragione e ricominciamo da zero, archiviare significa che questi signori devono necessariamente sparire dalla vita politica di questo paese assieme ai Renzi,Conte, Zingaretti e compagnia cantante. Li ricorderemo sui libri di storia come i giullari nel periodo più buio dell’italia.

Capisco che attualmente queste soluzioni sopra elencate possano risultare inattuabili ma rimanere immobili come sta facendo l’unione Europea porterà sicuramente a subire gli effetti catastrofici di una grande depressione economica mondiale entro fine millennio senza avere nessuna contromisura efficace da limitare il danno agli stati membri di questa fallimentare unione Europea, serve una visione di lungo periodo per preservare il mondo come ora lo conosciamo.

Giornata mondiale delle Api

L’uomo non è destinato a far parte di un gregge come un animale domestico, ma di un alveare come le api.
(Emmanuel Kant)

Mercoledi 20 maggio 2020

Mercoledì 20 maggio 2020 si celebra in tutto il pianeta la giornata mondiale delle api, questa iniziativa è stata indetta dall’ONU per sottolineare l’importanza di questi insetti per il mantenimento della biodiversità sul nostro pianeta. Le api sono purtroppo fortemente a rischio per via dei cambiamenti climatici e per l’enorme impatto che l’uomo ha sull’ambiente, l’utilizzo di pesticidi in agricoltura e l’aumento dell’inquinamento dato dal continuo sviluppo industriale dei dei paesi emergenti, hanno causato una sostanziale riduzione nel numero di questi insetti nel mondo. L’allarme è elevatissimo, finalmente anche l’ONU si è accorto quanto il nostro pianeta ha bisogno di questi piccoli insetti. Sicuramente in ritardo sui tempi ha creato una giornata apposita da dedicare alla salvaguardia di questi insetti, sperando che l’iniziativa non si fermi alla sola giornata (cosa che spesso accade). Il segnale è stato forte la preoccupazione di fatto è elevata e c’è bisogno di sforzi comunitari le dichiarazioni di intenti non sono sufficienti se non seguite da fatti concreti.

Perché le api sono così importanti?

L’importanza delle api
Sono insetti impollinatori, cioè permettono l’impollinazione e di conseguenza la formazione dei frutti, trasportando il polline da un fiore all’altro. Attraverso questa attività garantiscono la presenza di specie vegetali diverse fra loro, un elemento importantissimo per la salute della natura. Le api di fatto sono tra gli animali invertebrati più importanti dell’intero ecosistema.

Perché le api rinunciano al sonno, alle delizie del miele, all’amore, ai godimenti adorabili che conosce, per esempio, la lor sorella alata, la farfalla? Non potrebbero viver com’essa? Non è la fame che le preme: due o tre fiori bastano a nutrirle, ed esse ne visitano due o trecento ogni ora per accumulare un tesoro di cui non gusteranno la dolcezza. A che scopo affaticarsi tanto? Donde deriva tanto ardore?
(Maurice Maeterlink)

È grazie alle api se disponiamo di una buona parte della frutta e verdura che mangiamo.
Non bisogna focalizzare il giudizio solo sulla produzione del miele, questo non è il solo motivo per cui è importante salvaguardarle: è in gioco qualcosa di molto grande, non voglio essere catastrofico ma le api sono parte integrante della nostra presenza su questo pianeta, infatti le api permettono all’uomo di respirare, poiché grazie all’impollinazione delle piante, di fatto è da loro che deriva la crescita delle piante e la stessa fotosintesi clorofilliana da cui viene prodotto l’ossigeno che ci permette di respirare, facciamo due conti e tiriamo le somme.

In molti non sanno o comunque non vedono il nesso causale sulla produzione di farmaci e le api, ma esiste.
Un esempio concreto è quello riguardante l’aspirina, la cui composizione contiene anche la corteccia del salice, l’esistenza di questa pianta è strettamente legata alla vita delle api. Di questi esempi nella farmacologia moderna ne troviamo a migliaia.

Le api, stanno anche cercando di farci capire che non è solo la loro esistenza a rischio, questi insetti rilevano la presenza di gas inquinanti, smog, sostanze tossiche e rifiuti nell’ambiente e muoiono se vengono in contatto con esse, quindi, vivono solo se si è in presenza di aria pulita che, ovviamente, fa bene anche all’uomo.

Ciò che non giova all’alveare non giova neppure all’ape.
(Marco Aurelio)

Sul pianeta terra (l’unico pianeta di cui al momento disponiamo) esistono due grandi tipologie di api, quelle selvatiche e quelle domestiche, cioè allevate dagli apicoltori. Entrambe le specie sono in grado di poter impollinare i fiori, pertanto, grazie ad una stima generale si può affermare che al mondo esistono circa 20.000 specie di api selvatiche e ancora un numero non specificato di api domestiche che possono impollinare fino al 99% delle piante e dei fiori presenti in natura.

Le api sono “insieme” e non individui. Fuori dalla comunità non possono vivere.
(Mario Rigoni Stern)

Salviamo le api per salvare l’umanità intera!!!!!!!!!!!!!!

20 CHIARISSIME REGOLE SUL CORONAVIRUS:

Rendiamoci conto di chi ci governa

1. Non puoi uscire di casa per nessun motivo, ma se devi, allora puoi.

2. TUTTI I NEGOZI SONO CHIUSI! Tranne quelli aperti.

3. Non dovresti andare negli ospedali a meno che tu non debba andarci. Anche dal medico non puoi andare, purché tu non sia troppo malato.

4. Quando esci ricorda l’autocertificazione che è illegale ma obbligatoria. Se non ce l’hai però non è un problema perché te ne verrà fornita una al momento del controllo.

5. Le mascherine sono inutili! Però indossarne una può salvarti la vita.

6. I guanti non aiuteranno, ma possono comunque aiutare.

7. Questo virus se ne andrà in estate, ma forse resterà per sempre. Non ha ancora deciso.

8. Dovremo rimanere rinchiusi fino a quando non raggiungeremo l’immunità di gregge, che vuol dire contagiarci tutti, ma restando rinchiusi.

9. Stanno preparando il vaccino per dotarci degli anticorpi per un virus che muta e non genera anticorpi. Nel frattempo chi è guarito non può ammalarsi nuovamente, o forse si.

10. Il virus non ha effetto sui bambini tranne quelli che colpisce.

11. Gli animali ce lo hanno trasmesso ma non si possono infettare … tranne il gatto che è risultato positivo in Belgio a febbraio che non aveva letto l’ordinanza.

12. Avrai molti sintomi quando sei malato! Però puoi anche ammalarti senza sintomi…puoi anche avere sintomi senza stare male, o essere contagioso senza avere sintomi. A discrezione del malato.

13. Per non ammalarsi bisogna mangiare sano e fare esercizio fisico. Una bella corsa di dieci chilometri in un appartamento di sessanta metri quadrati è tonificante e sviluppa la fantasia.

14. È meglio prendere un po’ d’aria fresca, ma se non hai il giardino o il balcone, lascia perdere.

15. Puoi farti consegnare il cibo dal ristorante a casa, che però potrebbe essere stato preparato da persone che non indossavano maschere o guanti. Quindi ti conviene far decontaminare il cibo fuori per tre ore, se non hai il cane che ti mangia tutto.

16. Il virus rimane attivo su diverse superfici per due ore. No, quattro ore. Come dice? Sei ore? Forza, chi offre di più?

17. Il virus si diffonde nell’aria per un metro, a volte due, ma se c’è vento forse di più.

18. Hai l’obbligo di restare chiuso in casa con i tuoi familiari ma non devi assolutamente farti trovare chiuso in macchina con i tuoi familiari.

19. Non abbiamo cure, tranne un medicinale contro i reumatismi ed uno contro il colera … la scienza sta facendo passi da gigante!

20. Questo virus è mortale ma non troppo, tranne che a volte può portare ad un disastro globale. In Italia ha già fatto molte vittime, ma forse meno degli anni passati e comunque, se sei in una casa di riposo, SCAPPA !!!!!!

Egoisticamente parlando

E’ un calcolo degno da Ministro della Salute Nazista.

Per essere ancora più orgogliosi, oggi più che mai, di essere nelle mani del SSN italiano.

[ A quanto pare anche i conservatori nel mondo anglosassone sembrano strizzare l’occhio alla via “lavatevi le mani, non fermiamo l’economia e tenetevi pronti a perdere i vostri cari”. Personalmente sono basito dalla strategia “immunità di gregge” che mette a rischio gli immunodepressi senza alcuna evidenza statistica e clinica di questa “immunizzazione”. Al momento non sappiamo se una persona può infettarsi di nuovo con il coronavirus dopo essere guarita. Mentre scrivo queste parole leggo che in UK comunque imporranno l’isolamento agli anziani. Una ottima idea se seguita in modo ortodosso. Rimane la mia personale paura per gli USA. ]

Mi sembra giusto fare un paio di conti, per sottolineare il coraggio del modello italiano che mette la vita difronte al dio denaro.

Partiamo!

Costruiamo uno scenario IDEALE ( quindi approssimando le cifre ):

• Il Coronavirus infetta il 60% della popolazione in maniera omogenea, per tutte le età . Si crea immunità di gregge e le infezioni si fermano. Il 10% degli over 65 infetti muore.

• Grazie al Coronavirus abbiamo perso il 6% del totale degli over 65 !

• In Italia abbiamo circa 12 milioni di persone sopra i 65 anni. Ergo mandiamo al patibolo circa 700 000 anziani.

Quali saranno due le principali fonti di risparmio per lo stato italiano?

Due! Le pensioni e costi medici per gli over 65.

• MENO PENSIONI DA PAGARE

Tagliare del 6% le pensioni da pagare non è per niente male!

L’importo medio della pensione in italia è di 1.200 euro al mese.

Ti sto parlando di 700 000 ( morti da non pagare ) * 1200 euri * 12 mesi = 10 MLD/anno

Per ribadire… Ti sto parlando di 10 080 000 000 euro risparmiati ogni anno.

( per avere una proporzione, il reddito di cittadinanza vale circa 6 miliardi )

[ LEGGI QUESTA PARENTESI SOLO SE SEI PUNTIGLIOSO CON I NUMERI:

Reputo importante (ri-)sottolineare che queste sono stime !

Per fare un calcolo preciso bisognerebbe considerare almeno altri 2 fattori:

Il numero degli infetti pende dalla parte degli uomini, che guadagnano più in pensione rispetto alle donne. Ma attenzione chi ha pensioni alte ha meno probabilità, statisticamente, di morire … Potrei proseguire all’infinito, ma ne uscirebbe fuori una tesi di laurea. Per questo preferisco tirare le somme in un mondo “ideale” omogeneo. Quindi ripeto, il numero che ne esce fuori non è reale, ma sicuramente realistico. ]

E non è finita qui! Hai anche ….

• MENO COSTI PER IL SSN

Il SSN ti costa circa 120 MLD.

L’80% delle risorse è destinato nella gestione di patologie croniche, gran parte delle quali si manifestano proprio in età avanzata. Approssimando, per eccesso, l’80% delle risorse è drenato proprio per gli anziani. Quindi 100 MLD.

L’italia godrebbe una contrazione del 6% da quei 100 MLD.

( Anche qui ripeto, sto approssimando! )

Una altra bella bomba di risparmio, circa 6 MLD.

Alla fine della fiera quindi… Sì, lasciare egoisticamente morire anziani ed immunodepressi, sarebbero decisamente una boccata di ossigeno. 16 MLD.

L’equivalente di una grande manovra economica… A costo… 0 ?!

Per una volta puoi essere orgoglioso del modello Italia. Siamo eredi della cultura classica che già 2500 anni fa ammoniva circa il rapporto tra denaro e medicina. E sottolineava come la medicina dovesse abbracciare la prevenzione e la cura, senza farsi influenzare dall’egoismo per gli affari.

Chiudo con questo disegno che ti invito ad osservare per bene :

Al centro si impone Asclepio ( Dio della medicina ).

A destra le sue figlie:

• Igea (della della moderazione e della prevenzione);

• Panacea (dea dell’uso delle piante magiche e medicamentose);

• Meditrina (dea preservatrice della salute).

La conoscenza dei farmaci e dell’uso di essi non è sufficiente a garantire la salute dell’individuo.

La prevenzione è fondamentale. Ed è quello che sei chiamato a fare in questi giorni.

Resta a casa per impedire al virus di espandere i propri domini!

Sulla sinistra si mostrano Ermes e il suo caduceo (verga con serpenti gemelli intrecciati).

Il dio della guarigione guarda con sdegno e disprezzo Ermes, dio dei ladri, dei mercanti e del commercio.

La metafora sottolinea che la medicina non può in alcun modo sottomettersi agli interessi economici. In questa emergenza COVID-19 c’è assoluto bisogno di anteporre la salute pubblica alle eventuali ripercussioni economiche che ne possono derivare ( in maniera oculata e razionale ).