UNA STORIA TUTTA ITALIANA

HOUSE OF CHIGI

Palazzo Chigi Roma

Questa pandemia ha portato con sé molteplici problemi per il nostro organismo, una dei più gravi è che ci ha reso più fragili intellettualmente, l’incessante martellare del mainstream con i dati sul contagio a tutte le ore, i virologi onnipresenti nei talk show italiani tanto da far pensare che nessuno di questi in effetti faccia davvero alcunché per debellare il covid dal nostro territorio, essendo sempre impegnati in discussioni nelle trasmissioni televisive. Plausibile inoltre che chi non si è allineato con il pensiero unico è stato escluso da qualsiasi discussione e fatto sparire dall’etere un po’ come per citare George Orwell credo sia stata creata una sorta di “pensiero crimine governato dal ministero della verità” infatti nell’ultimo anno abbiamo assistito a tutta una serie di contraddizioni che neanche nei più reconditi meandri della mente malata di un sociopatico potevano avvenire, le continue notizie incoerenti ci hanno definitivamente offuscato la mente tutto e il contrario di tutto ecco cosa è avvenuto nell’anno 2020 ricorderò questo periodo come una grande mondiale follia generalizzata per un virus che se preso in tempo si può benissimo contrastare, prima che passi ad una forma acuta con una semplice aspirina e questo oramai è agli atti su tutti gli studi clinici, la cosa più sconvolgente è che sono morte migliaia di persone per protocolli sanitari errati e nessuno ne parla, tutto il mainstream ora è troppo occupato a parlare delle decine di vaccini che nel giro di un solo anno sono stati creati praticamente dal nulla e di come con questi riprenderemo la nostra solita vita, non per fare il saccente ma anche qua trovo delle analogie con il libro 1984 infatti, non troppo vagamente, tali trasmissioni mi ricordano molto la descrizione che Orwell fa del ministero dell’abbondanza e dei comunicati stampa sempre rivisti per far quadrare le precedenti dichiarazioni.

La politica poi in questo periodo ha veramente dato il peggio di sé sprecando ingenti risorse che potevano essere destinate alla disastrata sanità Italiana in bonus veramente incomprensibili, uno su tutti il bonus monopattino, ma gli errori gravi di un governo totalmente incompetente non sono stati solo quelli di sprecare soldi a manca e a destra, hanno di fatto limitato le libertà personali in modo indiscriminato senza provvedere in alcun modo a pianificare un rapido intervento sul trasporto urbano. Ne abbiamo visto davvero delle belle ristoranti, bar, negozi, centri commerciali chiusi e autobus e metropolitane colme all’inverosimile; per non parlare poi del coprifuoco alle ventidue in pratica è come se una banda di scappati di casa entrasse nella sala dei bottoni e così a caso scrivesse nei DPCM tutto ciò che gli passa per la testa.

Il 2021 è iniziato nel peggiore dei modi possibili questi scalcinati mentecatti che stanno a Roma hanno dato vita alla più confusionista crisi di governo mai vista in tutta l’era repubblicana, replicando non solo i clamorosi errori della seconda repubblica ma anche e anche qua mi tocca citare Orwell cercando di modificare e mistificare la realtà dei fatti. In pratica il governo, ora fortunatamente dimissionario, ha messo in campo tanti piccoli e poco acculturati Winston, qui cito direttamente da 1984 perché è ciò a cui si è assistito e cioè“se tutti raccontavano la stessa menzogna, allora la suddetta menzogna passava alla storia diventando realtà”. Per ultimo abbiamo assistito ad una compravendita di senatori e “onorevoli” mai vista nella storia repubblicana nonché la già vista questua di voti.

Ora proprio mentre scrivo il “saggio” Mattarella presidente della repubblica Italiana ha dato l’incarico a Mario Draghi di formare un nuovo esecutivo. Questa pessima telenovela chiamata House of Chigi composta da veline, indiscrezioni e componenti del governo che erano più presenti su Facebook che veramente a governare, spero sia giunta al termine.

Una cosa è certa, mai più nulla sarà come prima!

Una-tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo metti like e sostienici con una micro donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

€1,00
€3,00
€5,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

YOGA: LA SCIENZA DELL’AUTO GUARIGIONE

Lo yoga è una disciplina spirituale millenaria originaria dell’India e praticata dai seguaci di religione buddista e delle filosofie indiane. Lo yoga definisce il legame che mette in equilibrio il corpo e la mente, conducendoli verso l’armonia. Questa disciplina ha molti effetti positivi sulla nostra salute ed è un ottimo rimedio per sconfiggere lo stress. L’obiettivo principale dello Yoga è infatti quello di aiutarci a essere felici e a raggiungere il benessere fisico ed emotivo.

Esperienza: LIGHT ON YOGA STEP DUE

Leggendo diversi libri ho individuato 8 tappe (o “anga”) veramente complicate da mettere in pratica ma essenziali per raggiungere il fine ultimo dello yoga, cioè la cessazione delle afflizioni mentali.
Queste 8 tappe sono:
Yama – Astinenze
Nyama – Osservanze
Asana – Posizioni
Pranayama – Tecniche di assorbimento dell’energia vitale (respirazione)
Pratyahara – Ritiro delle percezioni sensoriali
Dharana – Concentrazione
Dyana – Meditazione
Samadhi – Illuminazione, beatitudine
“Che dire sono solo all’inizio di un percorso che non ha tempo”
piano, piano aggiornerò la mia esperienza e le relative evoluzioni fisiche e mentali

Lo yoga non prende tempo, ti restituisce il tempo.

Era il 19 gennaio 2020 quando ho iniziato il mio percorso nella pratica quotidiana dello yoga, lo step successivo e naturale è stato intraprendere un approccio graduale alla mindfulness. Ora trascorsi circa tre mesi è giunto il momento di fare un check della attuale situazione. Sono entrato in queste pratiche in punta di piedi, sicuramente non privo di scetticismo, sulla prima lezione di yoga ho già scritto di come abbia colpito il mio io più profondo.

Volendomi informare su come potesse aiutarmi la mindfulness, ho iniziato a leggere diversi libri, e ho unito la lettura alla pratica quotidiana delle varie asana imparate, ho subito compreso che lo scopo della meditazione e della pratica dello yoga non sta nel prodigarsi per raggiungere a tutti i costi un obiettivo che possono essere posizioni difficoltose, o meditazioni lunghissime senza comprenderne a pieno l’efficacia, il principio base non sta nel fare ma nel “non fare”, nello “stare e basta”.

Praticando Yoga e meditazione ho capito che nella vita di tutti i giorni è difficile prestare attenzione ad una cosa sola, all’inizio di questa avventura anche il solo dedicarmi al respiro era una pratica difficoltosa, andavo fuori tempo inspiravo dal naso e senza accorgermene espiravo dalla bocca, mi era difficoltoso anche stare seduto a gambe incrociate, sentivo i tendini bruciare e le ginocchia tremare.

Il nostro attuale stile di vita ci porta ad essere frenetici, sempre connessi ad un mondo irreale, perennemente bombardati dalla tecnologia, notifiche, scadenze, telefonate, mail a cui bisogna rispondere, il tutto senza sosta alcuna, le informazioni da elaborare sono così tante da mandare in stress il nostro organismo, infatti tutte le apparecchiature che mirano a farci risparmiare tempo, ci orientano verso una velocità sempre maggiore, se non stiamo attenti tutta questa connessione ci priva del tempo, invece di aiutarci a risparmiare i minuti preziosi che potremmo dedicare a noi stessi.

Anche se sempre in contatto con persone distanti migliaia di chilometri, sprofondiamo sempre più nella solitudine. Non smettiamo mai di pensare, cerchiamo di riempirci il tempo con Facebook, Instagram, costantemente alla ricerca di like, per sentirsi approvati e meno soli in questo mondo che corre a mille all’ora.

Mi stupisco sempre quando ripenso a quanto mi stia cambiando praticare Yoga, è una trasformazione grande e piccola allo stesso tempo, è un inizio di consapevolezza iniziando da ciò che mi circonda. Non parlo di ciò che è al di fuori del mio corpo ma ciò che circonda la mente, quindi il corpo, quello che mi circonda è il mio corpo! Non intendo cambiare il mondo ma cambiare me stesso.

Il piacere che ho trovato nel praticare Yoga è quello di addentrarmi sempre di più nel mondo della mindfulness, piuttosto che rimanere sulla soglia, cercando di mettere ordine ad una vita disordinata, d’altronde sono stato per anni uno specialista del fuori contatto con la mia realtà interiore anzi ero fuori contatto anche dal mio essere fuori contatto forse sarà un caso o sarà per questo che mi capita spesso di assumere una Asana per meditare: la posizione del bambino, braccia distese davanti, gambe allargate dal bacino, punte degli alluci che si toccano, testa sul tappetino talloni che toccano i glutei.

La meditazione è un’arma a doppio taglio non sempre i pensieri con cui si viene in contatto sono come ci aspetteremmo: calmi e rilassati; la strada è lunga e tortuosa da percorrere per processarli nel modo corretto.

Il non fare sta nel prendersi del tempo per noi stessi senza distrazioni, svuotare la mente, esplorare o anche semplicemente concentrarsi sul respiro.

Non fare…..

yoga

(Mircea Eliade)

Per lo Yoga come per il buddismo la liberazione equivale a un reale superamento della condizione umana; in altri termini, si deve «morire» all’esistenza profana, «naturale», costituita dalla legge dei «condizionamenti» illimitati (“karma”) e «rinascere» a un’esistenza «non condizionata», cioè perfettamente libera e autonoma.

Lasciare la presa, non è tagliare i fili, ma prendere coscienza che non si può controllare tutto.