Come sfruttare il coronavirus per migliorare la “fantasia” fotografica realizzando immagini creative

Nel corso di questi mesi di isolamento ho visto scorrere sui social fiumi di idee ed iniziative, purtroppo la maggior parte poco interessanti oltre che scarsamente originali, in pratica solo foto di gatti, cani, bambini immortalati in tutte le pose possibili (la noia spesso fa brutti scherzi). Una casa è che ci crediate o no è a tutti gli effetti un campo di allenamento per qualsiasi principiante fotografo. Tutti imparano l’arte della fotografia scattando foto di ciò che li circonda, in casa non hai bisogno di cercare modelli, oggetti di scena o luoghi interessanti. Tutto è sempre a portata di mano puoi facilmente modificare la scena in base all’equipaggiamento che hai o al risultato che stai cercando di ottenere. A volte l’ispirazione per esplorare modi nuovi e interessanti per scattare foto richiede un po’ di sforzo ma non bisogna deprimersi.

Fotomontaggio

Molti fotografi di vecchia data anche noti tendono a ritrovarsi incastrati in vecchie abitudini e soggetti triti e ritriti solo per abitudine, mi spiego meglio, ho sentito un’affermazione purtroppo condivisa da molti che sono diventati famosi con la fotografia, l’idea è che ogni fotografo debba essere contrassegnato per uno stile, da un soggetto che lo contraddistingua. A dirlo è Oliviero Toscani durante una registrazione del reality Master of Photography. Non dovete credere a chi la pensa così anche perché rischiate di soffocare gli impulsi creativi, i fotografi migliori che ho conosciuto non si sono mai vantati di avere uno stile o un soggetto preciso infatti non importa quale stile fotografico scegliate e se in tutta la vostra vita non ne troverete uno poco importa, di fatto la fotografia è come la mente umana può spaziare su molti fronti tutti interessanti, la vera magia avviene quando si sente chiudere l’otturatore.

Qua la parola d’ordine soprattutto se siete dei principianti è “sperimentare”.

Il mio pensiero è che la fotografia sia un po’ come andare al ristorante. C’è un intero menu di pietanze e non saprai cosa ti piace se non ne provi alcune. Quindi, ecco un paio di suggerimenti che chiameremo esperimenti per la fotografia creativa. Siediti e preparati a far spaziare la mente mentre ti accompagno in un tour del menu fotografico creativo che mi sono inventato durante la clausura da coronavirus. Andiamo con ordine, in pratica partiamo da dove cominciano un po’ tutti “LA FOTOGRAFIA D’INTERNI” (io la trovo abbastanza noiosa) iniziando con una breve descrizione di punti comuni per qualsiasi ambiente (in pratica “robe da pensare prima di scattare qualsiasi foto”.

Punto numero uno: Identificare i punti migliori per la fotografia. Poiché la casa di ogni persona è diversa, è impossibile dire che i posti migliori saranno gli stessi in tute le abitazioni, ci sono però alcune caratteristiche comuni che si possono ricercare nella vostra casa per aiutare a determinare se un ambiente è adatto per la fotografia. Quindi il tuo primo passo è quello di analizzare l’ambiente circostante, dovrai determinare diversi punti, se vuoi un consiglio inizia scrivendo su un taccuino.

1) Disponibilità di luce naturale alle diverse ore del giorno. 2) Caratteristiche uniche o piccoli scorci che riesci ad individuare. 3) Imparare a visualizzare lo spazio con e senza fotocamera 4) Riorganizzare lo spazio (in caso servisse) a volte, non avete un grande spazio per lavorare con la macchina fotografica in casa, ma questo non deve scoraggiarvi. Il problema più grande solitamente viene dal disordine. Riordinando si creerà di un po’ di spazio di respiro tra gli elementi della vostra scena (e magari farete felice pure vostra moglie!)

Ci sono sicuramente altre cose che possono essere aggiunte a questa lista, quindi sentiti libero di far volare la fantasia e prendi nota di ogni cosa ti sembri importante. In caso l’aspetto della stanza sia molto moderno “come usa oggi” con tanto nero, grigio e bianco o comunque monocolore dovrete aggiungere qualcosa di nuovo con un tocco di colore per renderlo più piccante, anche una sola piccola aggiunta può fare la differenza!

Piccola aggiunta di colore

Non fissatevi su grandi ambienti tutti immacolati molto spesso i “nuovi” fotografi sono ossessionati dal pensare che un intero ambiente debba essere fotogenico, quando invece in realtà con i vostri scatti scoprirete di avere la capacità cambiare completamente l’aspetto di un luogo. Dopo che avrete fatto questo grande lavoro sicuramente conoscerete meglio l’ambiente che vi circonda e sarete pronti a farvi venire idee creative. Non hai davvero bisogno di una fotocamera per iniziare a visualizzare le tue foto, inizia a scattare istantanee solo nella tua mente questa è una tecnica che ci aiuta a pensare a tutte le cose che vogliamo tenere a mente quando lavoriamo ad un servizio fotografico – dalla posa, la disposizione di un luogo, l’illuminazione, e così via. Vi svelo un segreto io non sono assolutamente appassionato di fotografia di interni, ora vedo sui vostri visi calare un velo di perplessità e mi sembra quasi di sentirvi “Ma come dopo tutto sto spiegone, non parli di fotografia di interni?”. La parte divertente è che in casa non ci sono limiti, fatti guidare sempre da questo semplice principio, se si può immaginare, si può farlo accadere. Ora dovrete solo scegliere da dove iniziare.

Ebbene sì non parlerò di fotografia di interni ma di fotografare all’interno questi  erano solo punti comuni per iniziare a ragionare dentro e fuori dagli schemi anche perché mettendo ordine sarete costretti a prendere in mano un sacco di soprammobili oppure comuni oggetti che potranno tornarvi utili in seguito, come detto il menu fotografico creativo che mi sono inventato durante la clausura da coronavirus potrebbe risultare un po’ insolito e degno delle più torbide elucubrazioni mentali.

Voglio iniziare da una idea abbastanza semplice, fotografare l’acqua!!

Definiamo meglio: fotografiamo le goccioline di acqua e perché no anche gli schizzi, prima o poi tutti i fotografi anche quelli meno dotati di creatività ci si cimentano almeno una volta nella vita, non ditemi che non avete mai visto una foto così…

Qua davvero potete veramente spaziare con tutta la vostra fantasia le gocce d’acqua sono veramente molto versatili le potete mettere praticamente ovunque su un vetro su una pianta di interni su una superficie riflettente come un cd è semplice e divertente e si può fare tranquillamente dove volete non ci sono limiti. Però oltre a tanta pazienza servirà, un obiettivo macro, un treppiede, se ne avete uno anche un flash esterni ma non è indispensabile, ora dovete solo dare sfogo alla vostra creatività. Dalle goccioline che cadono alle bolle colorate, vi renderete conto che fotografare l’acqua non è poi così complicato e davvero potete dare libero sfogo alla vostra fantasia.

Ombrello: fotografia scattata sotto la doccia

Non sono solito ma visto che l’argomento acqua mi piace davvero molto e sinceramente ci ho perso nottate intere, vorrei darvi anche qualche consiglio pratico (lo farò solo in questa occasione perché l’unico modo per imparare è sperimentare) per iniziare a scattare, è sempre meglio impostate la fotocamera in modalità manuale mettendo a fuoco il punto in cui le gocce o l’oggetto colpiranno l’acqua per essere più sicuri di una buona messa a fuoco immergete qualcosa di simile a quello che volete far cadere nell’acqua o anche un dito giusto per darvi qualcosa su cui mettere a fuoco, scegliete un tempo veloce (circa 1/160 o meglio 1/200 di secondo) vi consiglio un’apertura di f4/f5 per una profondità di campo sufficiente. Utilizzando invece f/11 vi permetterà di mettere a fuoco solo la goccia e il rimbalzo della stessa, sfocando tutto il resto. Meglio passare ad un’apertura così spinta solo in un secondo momento in quanto mettere a fuoco la goccia non è proprio facilissimo con una profondità di campo così ridotta, va da sé che in ogni caso l’illuminazione debba essere sempre minima se utilizzerete il flash.

Gocce di olio di vasellina in acqua

Ti svelo un segreto nelle foto dei servizi professionistici, non utilizzano acqua ma olio di vasellina perché essendo più denso genera gocce di rimbalzo più definite e talvolta un movimento al di sotto della superficie che assomiglia all’effetto cavitazione mi raccomando non ditelo a nessuno in pochi ammetteranno di utilizzare olio!!! Ultimissimo consiglio sull’argomento acqua se dovete mettere gocce d’acqua su qualsiasi oggetto utilizzate uno spruzzino oppure in caso vogliate una sola goccia meglio utilizzare un conta gocce. Ogni liquido va bene per sperimentare. Ora non ti resta che provare e dare sfogo a tutta la vostra creatività sotto propongo alcuni scatti così tanto per accendere la scintilla della fantasia.

Ora invece veniamo alle mie elucubrazioni mentali da quarantena così solo per darvi un piccolo spunto creativo. In casa puoi anche ideare un progetto fotografico per raccontare una storia, io adoro utilizzare gli omini dei lego che si prestano benissimo a qualsiasi scena ma sicuramente puoi pescare dai giocattoli di tuo figlio o tuo nipote qua davvero l’unico limite è il cielo.

Piccoli consigli:

1) Scegli il soggetto e studia la storia 2) È bene pensare prima e scrivere sul solito taccuino poi, (talvolta rileggendo i miei pensieri scritti così a caso mi sono solo bloccato) 3) Pensa a cosa vuoi raccontare, questo sembra il passo più facile, ma in realtà credimi non lo è, provare per credere.

Si può raccontare tutto con la fotografia, basta metterci passione, fatti mille domande e datti delle risposte (come fossi ad una intervista da Gigi Marzullo) esempio, cosa speri di ottenere con questo progetto? Cosa ti aspetti? Vuoi pubblicarlo sui social? Vuoi stamparlo o realizzare un libro o una mostra? Vuoi solo divertirti poi non si sa mai? I miei migliori scatti sono usciti proprio da quest’ultima opzione.

Ultimo consiglio importante da non dimenticare mai: creare immagini deve essere un divertimento, ti prego non incastrarti solo in foto di nature morte, si sono belle ma anche queste non danno molto spazio alla fantasia infatti la fotografia Still Life è probabilmente una delle più comuni, soprattutto dopo l’avvento dei negozi on line.. ma ci sono scatti e scatti tutto sta nel fotografo, la fantasia è una delle componenti più importanti della fotografia, ora penserai che l’estro non ti manca, non vorrei essere io a deluderti dicendo che invece è proprio quello che scarseggia.

STILL LIFE…..IDEE DI FOTOGRAFIA A CASA

Non voglio dilungarmi troppo, per non bruciarmi gli argomenti dei prossimi articoli quindi la chiudo qua e ti lascio con la visione di un brevissimo video spero di averti incuriosito!

Quando sei bloccato in casa e la tua mente vola altrove

Come da Italiano ho vissuto la quarantena da coronavirus, aspettando un rientro alla normalità

Questa brutta avventura chiamata QUARANTENA è stato un cambiamento epocale di tutto il genere umano o solo una gigante follia collettiva?

Il coronavirus, volente o nolente, ci ha costretto ad una lunga pausa, sarebbe meglio dire che l’attuale governo “Conte” ha sospeso temporaneamente la democrazia costringendoci ad una lunga attesa chiusi nelle nostre abitazioni.

covid-Sarcop19

Ci siamo ritrovati di fronte ad un governo impreparato e a tratti incompetente che ha fatto il possibile per non perdere soprattutto il consenso popolare, l’unica cosa certa era la diretta Facebook serale, in pratica un’intera ora o più spesa in parole prive di un qualunque contenuto, nessuna spiegazione, DPCM scritti in modo incomprensibile, dove noi poveri cittadini comuni ci siamo trovati di fronte al nulla più assoluto, l’unica cosa certa è che si doveva stare in casa, e che erano vietati tutti gli spostamenti se non per stretta necessità (su un DPCM compariva anche la dicitura, che erano vietate le grigliate in giardino)

Ciò a cui ho assistito in questi mesi di pausa forzata dove gli unici riferimenti erano solo Internet con la sua rete e una televisione priva di contenuti è stata la costante, se non unica informazione sugli sviluppi della pandemia;  troppo spesso questa informazione h24 si è tramutata in totale disinformazione di massa che per l’appunto subito dopo veniva riversata, anzi vomitata sui vari social più di tendenza, dove una sola era la parola d’ordine “io resto a casa” seguita subito dalla frase “andrà tutto bene” tutto questo è sì molto bello, però ha messo in luce il vero volto di quella Italia privilegiata purtroppo scollegata dalla realtà di chi cerca di sopravvivere giorno per giorno senza perdere il sorriso, sperando in un futuro migliore pur sapendo che le speranze dietro quel pensiero utopico giorno dopo giorno andavano via via dissolvendosi come la nebbia del mattino. Io personalmente sono arrivato al punto di cambiare canale o addirittura spegnere il televisore appena comparivano i messaggi “incoraggianti” di certi personaggi pubblici, quel “io resto a casa”, “andrà tutto bene”, detto da un volto noto che si filma nella sua lussuosa casa di 300 metri quadri talvolta condito da un “ma non restate fermi” fate come me io al mattino mi alzo e mi alleno nella mia palestra nel piano interrato, sinceramente potevano quantomeno risparmiarcelo. A noi cittadini comuni, talvolta in quattro o cinque persone in 50 metri quadri, quel “io resto a casa, andrà tutto bene, ma non restate fermi” ha suonato solo come promemoria alla nostra infame sorte qual ora ci fossimo ammalati, cioè noi cittadini comuni siamo e saremo sempre di serie B anche durante una pandemia che dovrebbe vedere quanto meno livellata e garantita la salute di ogni cittadino, invece no, tamponi con corsie preferenziali per personaggi noti, calciatori e relative mogli, e dall’altro canto cure effettuate in modalità triage, questo perché negli ultimi vent’anni il continuo taglio alla sanità con relativa corruzione ha indebolito il nostro sistema sanitario con il beneplacito di tutti i  politici che si sono susseguiti nel corso del tempo.

La paura ci ha spinti ad adottare scrupolosamente ogni regola preventiva, cosa per altro che evidentemente chi ci governa considerava molto difficile da far capire al popolo, visto il tono paternalistico utilizzato ogni giorno in quelle dirette interminabili vuote di contenuti, vuote di indicazioni chiare e univoche, mascherina si, mascherina no, la lista sarebbe troppo lunga per elencare tutte le parole contenenti indicazioni inutili, dette talvolta frettolosamente, rimangiate o smentite il giorno seguente. Posso testimoniare di aver assistito a circa quaranta minuti di soli ringraziamenti, in pratica i membri del governo si ringraziavano a vicenda ringraziando a loro volta i vari tecnici che a loro volta rigiravano i ringraziamenti, sono stati momenti folli che sicuramente come molte altre storie andranno rapidamente nel dimenticatoio. La frustrazione e anche l’invidia hanno preso piede giorno dopo giorno facendomi pensare che il mondo digitale o televisivo non facessero più per me, se mai mi sono sentito parte di questo finto mondo, quello a cui ero sottoposto giornalmente non ha fatto che acuire la frustrazione causata dall’assistere a scontri tra fazioni politiche, quando invece sarebbe servita unità tra le forze in campo, il tutto riproposto con toni da manicomio sui social, perché il virus si è combattuto anche lì. Se non hai nulla da fare e sei pro governo o pro opposizione, perché non passare la giornata ad insultare chi non la pensa come te, non che questo prima non succedesse ma sicuramente la clausura forzata ha dato una buona mano a milioni di decelerati pronti ad esprimere opinioni non richieste, facendo vacillare quel poco di senso democratico ancora presente in me. Non nego l’invidia per quelli che potevano permettersi una migliore “prigionia” tanto ostentata nei loro video messaggi, sono arrivato anche ad invidiare quei pochi “runner” che venivano rincorsi da elicotteri e droni come in un film d’azione, avrei voluto avere il coraggio di correre “da solo” sulla spiaggia contro tutto e tutti gridando, fanculo non mi prenderete mai, ma me ne sono stato bravo bravo chiuso tra le mie quattro mura.

Lo spettacolo a cui ho assistito è vergognoso, multe per assembramenti che assembramenti non erano, palesi errori di comunicazione governativa (per la prossima pandemia spero che ci siano politici in grado di scrivere regole e leggi comprensibili e non interpretabili ma questa è sicuramente una speranza vana). L’Europa come è stata fondata e come ha dimostrato di essere è totalmente inutile, a mio avviso proprio come il governo italiano ha perso una ottima occasione per sburocratizzare il sistema oramai in metastasi anche l’unione Europea ha perso l’occasione di rinnovarsi e unificarsi veramente fondando gli Stati Uniti d’Europa, così veramente non serve a nulla, troppi gli interessi Tedeschi in gioco, anche se oramai è chiaro che quello che la Germania non è riuscita ad ottenere  con due guerre l’ha ottenuto con la potenza economica che “involontariamente” gli stati fondatori dell’unione gli hanno affidato.

Ora finalmente  proverò a tornare ad una parvenza di normalità questa pandemia da corona virus sicuramente mi lascia con un sacco di perplessità e domande che non hanno risposta, mi lascia amareggiato per quanto ho vissuto sui maggiori social, ma sicuramente mi lascia anche un sentimento di profonda armonia, mai come ora mi sento legato a mia moglie, questa coabitazione forzata 24 ore al giorno, specifico “solo dal mio punto di vista non quello di lei” mi ha fatto sentire bene, i primi giorni sono stati comunque difficili, ma trascorsi quelli i mesi sono passati quasi senza che me ne accorgessi, anche perché molto tempo l’ho passato a scrivere smettendo di seguire post o trasmissioni varie. Osservarla mentre lavorava, cercando di entrare in quella nuova modalità chiamata “smart working” è stato istruttivo soprattutto perché non sapevo che facesse tutto quel lavoro anche normalmente, ora reso più difficile e complicato da una tecnologia a cui noi italiani non siamo abituati, era sempre indaffarata a cercare di svolgere un lavoro già di per se complesso reso ancor più difficile dalla mancanza di relazione personale, dall’analfabetismo informatico e difficoltà tecnologiche delle persone, e dai limiti di una rete sovraccarica; infatti un’altra cosa che il coronavirus ha messo in luce sono tutti i limiti delle infrastrutture tecnologiche italiane. Scostandomi dai soliti social dove impazzavano legioni di mono neuroni come non ci fosse un domani ho potuto assistere anche a quella che spero sia una inversione di tendenza non dico che sia stata cancellata quella che i filosofi Maura Gancitano e Andrea Colamedici hanno definito ”Società della performance”, mi spiego meglio ho potuto costatare che molti si sono distaccati dalle piattaforme sociali o quanto meno hanno iniziato ad utilizzare altri servizi che prima giacevano inutilizzati, parlo della videochiamata anche delle chiamate di gruppo.

E’ stato bello vedersi in video chiamata la mattina con gli amici per il buon giorno o per qualsiasi altra cosa, questa pandemia spero abbia dato un forte rilancio alla socialità che ci siamo persi per strada negli ultimi anni pregni del sistema imposto dai vari social basato sulla sola espressione ed esibizione del sé in una società costantemente alla ricerca di opinioni, condivisioni ed esibizioni talvolta estreme per il solo scopo di addomesticare la paura di non sentirsi parte di questo grandissimo inganno sociale che non fa altro che generare nella nostra mente la paura del silenzio digitale. Fondamentale  capire che l’amicizia non è il “segui” su Instagram il contatto di Facebook, spero che questa pandemia soprattutto ci abbia insegnato che i social vanno utilizzati con intelligenza e che una foto con una tazza di caffè con scritto buongiorno non vale quanto trovarsi per fare colazione insieme al bar oppure  perché no conoscendo i tuoi orari ti faccio una video chiamata e ci prendiamo il caffè comunque assieme, il pollicione in su sotto un post non sarà mai come un abbraccio nella vita reale. Speriamo che questo virus abbia fatto capire queste semplici cose che erano all’ordine del giorno venti anni fa, ora abbiamo una marcia in più usiamola bene!

Questa brutta avventura chiamata QUARANTENA è stata un cambiamento epocale di tutto il genere umano o solo una gigante follia collettiva?

Purtroppo come dimostrano alcune foto, molte pessime abitudini non sono cambiate, siamo forse destinati all’estinzione?????

Più che in ogni altra epoca storica, l’umanità si trova a un bivio. Una strada porta alla disperazione e allo sconforto più assoluto. L’altra alla totale estinzione. Preghiamo il cielo che ci dia la saggezza di fare la scelta esatta.
(Woody Allen)